La bozza del trattato sul commercio delle armi presenta ancora gravi mancanze

27.03.2013 - Amnesty International

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

La bozza del trattato sul commercio delle armi presenta ancora gravi mancanze
(Foto di Farragutful, Wikimedia Commons)

Secondo Amnesty International i gravi difetti riscontrati nella nuova bozza del trattato sul commercio delle armi non impedirebbero i trasferimenti di armi nei paesi dove queste potrebbero essere usate per attuare o facilitare uccisioni sommarie e arbitrarie, torture e sparizioni.

L’analisi della bozza circolata venerdì scorso rileva difetti anche in altri temi, come le clausole riguardo ai resoconti degli stati sui trasferimenti delle armi e i futuri emendamenti al trattato.

Gli stati membri delle Nazioni Unite dovrebbero arrivare a un accordo e adottare un testo definitivo entro giovedì 28 marzo.

“E’ ora che i diplomatici trovino un accordo su regole decenti per impedire le uccisioni illegali, i gravi abusi e le devastazioni causate dall’irresponsabile commercio internazionale delle armi. I governi devono svegliarsi e ovviare alle gravi mancanze dell’ultima bozza” ha detto Brian Wood, responsabile per il controllo delle armi e i diritti umani di Amnesty International.

“Questa bozza presenta bene accetti progressi per far sì che i trasferimenti di armi che favoriscono genocidi, crimini contro l’umanità e crimini di guerra costituiscano una linea rossa da non attraversare – e questo si deve in gran parte agli anni di campagne svolte da Amnesty International e altre organizzazioni. Sarebbe tuttavia irragionevole permettere al commercio di armi di continuare, pur essendo a conoscenza delle atrocità che vengono commesse, solo perché queste non rientrano in un conflitto armato, o in un attacco ampio o sistematico contro una specifica popolazione civile.”

L’attuale bozza dunque impedirebbe alle armi di arrivare in paesi dove verrebbero usate per genocidi, crimini contro l’umanità e crimini di guerra. Le proibizioni però non si estendono al caso che esse facilitino uccisioni sommarie e arbitrarie, torture e sparizioni commesse al di fuori di conflitti armati o attacchi ampi o sistematici contro una specifica popolazione civile.

La bozza permette inoltre a uno stato di trasferire armi anche dove esiste il concreto pericolo che esse vengano usate per crimini di guerra o gravi violazioni dei diritti umani, se considera che questo possa contribuire alla pace e alla sicurezza.

Secondo il Comitato dell’ONU per i diritti umani e la legge internazionale, gli stati hanno il supremo dovere di impedire guerre e crimini contro l’umanità e non devono semplicemente aspettare che questi avvengano. Gli stati devono agire per fermare le violazioni dei diritti umani che possono condurre a violenze e atrocità.

Amnesty International lavora da quasi vent’anni per arrivare a un trattato internazionale sul commercio delle armi basato su una Regola d’Oro: gli stati dovrebbero valutare ogni trasferimento di armi per verificare se esiste un rischio concreto che queste vengano usate per commettere o facilitare gravi violazioni dei diritti umani. Se tale rischio esiste, il trasferimento non dovrebbe avvenire.

Oltre a intaccare il rispetto per i diritti umani e il principio di legalità, permettere che i trasferimenti di armi continuino in simili circostanze ha un enorme costo in termini di pace, sicurezza umana e sviluppo.

Amnesty International ha documentato come durevoli atti di brutalità abbiano devastanti conseguenze a lungo termine. Ne sono esempio il Bangladesh, dove il Rapid Action Battalion (unità anti-crimine e anti-terrorismo della polizia, N.d.T.) ha una lunga storia di uccisioni, torture e sparizioni, le Filippine, dove le milizie private hanno perpetrato massacri di civili, tra cui 60 persone uccise a Maguindinao nel  novembre 2009, la Guinea, dove nel settembre 2009 oltre 150 manifestanti disarmati sono stati uccisi in uno stadio di  Conakry e il Guatemala, i cui abitanti sono soggetti ad alti livelli di violenza armata e a una proliferazione delle armi leggere.

“Lo scopo di un trattato globale sul commercio delle armi è intervenire prima che si arrivi ai morti, di stroncare sul nascere la violenza armata e impedire gravi violazioni dei diritti umani, bloccando gli irresponsabili rifornimenti di armi che li alimentano”, ha dichiarato Wood. “Perché il trattato definitivo appaia davvero credibile e dia alla popolazione del mondo una maggiore sicurezza, gli stati membri delle Nazioni Unite devono agire per raggiungere un approccio più olistico e assicurarsi che i governi non aiutino mai chi viola i diritti umani, fornendogli i mezzi per assassinare e torturare.”

 Traduzione dall’inglese di Anna Polo

Categorie: Internazionale, Pace e Disarmo
Tags:

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort