Testamento biologico a Milano, un impegno dal piano di sviluppo del welfare

14.12.2012 - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

Testamento biologico a Milano, un impegno dal piano di sviluppo del welfare
(Foto di http://www.ioscelgo.info/)

La Giunta Pisapia ha da tempo avviato una discussione per l’introduzione del Testamento Biologico tra le iniziative del Comune di Milano.

Il tema è stato oggetto di uno dei punti della Carta dei Diritti del Cittadino Malato, presentata lo scorso maggio e sulla quale si è tenuto un ampio dibattito.

La Carta dei Diritti è stata anche inserita nel Piano di Sviluppo del Welfare 2012 -2014 e verrà resa esecutiva nella giornata del 19 gennaio 2013 durante il 2° Forum delle Politiche Sociali.

Il Testamento Biologico sarà presto oggetto di una proposta di Delibera Consigliare. Per discuterne è stata indetta una riunione il 17 dicembre 2013 dalle ore 11.00 alle ore 13.00 nella  Sala Commissioni di Palazzo Marino, con l’intervento di:

  • Pierfrancesco Majorino, Assessore alle Politiche Sociali e Cultura della Salute
  • Marilisa D’Amico, Consigliera Comunale
  • Beppino Englaro
  • Francesca Zajczyk, Delegata alle Pari Opportunità
  • Massimo Clara,  Avvocato
  • Paola Bocci, Consigliera Comunale
  • Domenico de Stefano,  Consiglio Notarile di Milano
  • Monica Fabbri, Comitato Io scelgo
  • Consiglieri comunali
Categorie: Africa, Comunicati Stampa, Diritti Umani

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.