Nazioni Unite dalla paura

05.12.2011 - Paris - Mariano Quiroga

Sono state le grandi potenze atomiche ad auto erigersi come titolari di un potere superiore con diritto di veto sulle decisioni della maggioranza, demolendo così i principi di democrazia e uguaglianza sui quali poggiava l’organizzazione.

I primi paesi a fabbricare armi di distruzione di massa furono considerati come dissuasori e utilizzarono questo potere durante tutto il XX secolo per poter istituire o rovesciare governi, imporre piani economici e condizioni favorevoli per lo sviluppo e la crescita delle proprie imprese impossessandosi delle materie prime e della mano d’opera necessaria per portare avanti i propri modelli espansionistici.

Stati Uniti, Russia, Francia, Gran Bretagna e Cina hanno utilizzato la loro potenza militare per esercitare una supremazia terrificante nei confronti del resto del mondo, arrivando a giustificare atti di sterminio come guerre preventive o azioni per la difesa dei Diritti Umani delle stesse vittime dei loro bombardamenti.
L’esempio più recente di questa sanguinosa ingerenza è stato l’intervento militare in Libia, un paese che si trova oggi in una situazione ancor più critica e con gravi problematiche che dopo gli attacchi e i massacri sono rimaste irrisolte.

L’utilizzo dei media per fomentare questa azione di intervento umanitario esplosivo o per mettere a tacere le vicende che accadono durante queste azioni di guerra sono pratiche abituali oltre che strategicamente fondamentali per controllare l’opinione pubblica. Non importa cosa faccia o non faccia il leader di un paese remoto, la ripetizione costante di un giudizio elaborato dai grandi poteri, moltiplicato e trasmesso 24 su 24, finisce con stabilire l’idea che sia inevitabile agire contro questo leader illegittimo o questo popolo che lo sostiene.

Gheddafi, assassinato in diretta con tanto di immagini del corpo senza vita schernito dai suoi stessi esecutori, è stato l’ultima vittima del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, con il silenzio complice del resto delle nazioni assoggettate al potere militare di questi 5 paesi.

In questo preciso momento si consuma una vera lotta in seno al Consiglio, dove 3 paesi cercano di convincere gli altri della necessità di un intervenire in Siria e deporre Bashar al-Assad. Le informazioni che circolano sono contraddittorie, sia quelle che giustificherebbero un’azione militare sia quelle che riguardano le ragioni per cui la Russia e la Cina si oppongono. Conflitto di interessi? Umanitarismo? Posizione strategica di fronte ad un conflitto tra potenze nucleari?
Lo scenario è confuso e pericoloso. Il filo conduttore di qualsiasi discussione dovrebbe essere l’opposizione alla violenza. Non si può spegnere un incendio con la benzina. La pressione diplomatica, i blocchi e le sanzioni sono consentite a patto che non si convertano in un elemento destabilizzante che serve unicamente alla disfatta e a dare via libera all’interventismo straniero.

Tradotto da Eleonora Albini

Categorie: Europa, Internazionale, Opinioni, Questioni internazionali

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort