Cileni seguiranno in protesta, assicurano leader studenteschi

09.07.2011 - Santiago - Prensa Latina

Lagos sottolineò che non si tratta oggi solo delle richieste degli studenti, bensì di un movimento più amplio, di segno sociale e politico e che discute il sistema nel suo insieme per essere escludente e promuovere le disuguaglianze.

Il Cile attraversa un periodo con un’esplosione di proteste e manifestazioni di tutti i tipi contro l’educazione di mercato.

Tra le ultime iniziative per dimostrare lo scontento contro La Moneda, oltre 500 coppie di studenti si sono incontrati in Piazza delle armi a Santiago, per baciarsi manifestando così in modo totalmente pacifico contro la proposta del governo cileno sull’educazione. Gli studenti e i docenti hanno mostrato la loro “passione educativa” condividendo un bacio in piazza. Questo atto singolare di protesta si è poi diffuso in varie città del paese sud-americano come Valparaiso, Concepcion, La Serena, Valdivia, Arica ed Antofagasta.

Ieri trascese anche nell’ambito nazionale l’occupazione pacifica da parte di alunni delle medie e per lo spazio di tre ore della sede del governativo Partito di Rinnovazione Nazionale.

Matias Cardenas, uno dei giovani partecipante a questa azione, ha detto che torneranno sulle strade in massa il prossimo 14 luglio in difesa dell’educazione pubblica e gratuita.

Categorie: Politica, Sud America

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.