Attivisti di Extinction Rebellion sul parapetto di Ponte Sant’Angelo a Roma

06.06.2020 - Roma - Extinction Rebellion

Attivisti di Extinction Rebellion sul parapetto di Ponte Sant’Angelo a Roma
(Foto di Marcello Guerrieri)

Oggi gli attivisti e le attiviste di Extinction Rebellion (XR) sono saliti sul parapetto di Ponte Sant’Angelo, in piedi rivolti al Tevere: una performance potente per comunicare lo stato di estremo pericolo in cui versa l’umanità a causa della crisi climatica ed ecologica in atto. 

«Non stiamo andando verso la catastrofe, siamo nell’ istantaneità della catastrofe: l’intera umanità oggi si trova sul parapetto di un ponte, o scendiamo da qui o siamo destinati a cadere e morire. L’attuale modello di sviluppo basato sulla crescita infinita non garantisce più la sopravvivenza della specie umana sul Pianeta. Il Covid-19 è solo l’inizio. Il cambiamento climatico sta avendo e avrà conseguenze reali fuori dall’immaginazione: non è catastrofismo, è la scienza che lo dice da oltre 30 anni, senza essere ascoltata. I governi di tutto il mondo hanno sino ad oggi fallito nella loro missione di proteggere i cittadini: se non sarà attuato un cambio sistemico e una transizione ecologica  ora, l’umanità verrà presto decimata dagli effetti diretti e indiretti del collasso climatico!» dichiara il gruppo XR di Roma.

È precisa responsabilità del Governo quella di proteggere la salute dei propri cittadini. Per questo Extinction Rebellion chiede al Governo italiano di trattare la situazione attuale per quella che è: una crisi vera e propria. Il cambio deve essere sistemico, richiede coraggio e non è possibile procrastinare. Ora è il tempo ed è già tardi. Agire è un dovere morale dei Governi, per la difesa dell’intera umanità. 

Secondo l’ONU il 75% dell’ambiente terrestre è stato gravemente alterato dall’azione antropica, l’impatto sull’ambiente marino arriva al 66%. L’attuale tasso di estinzione globale delle specie è fino a centinaia di volte superiore alla media degli ultimi 10 milioni di anni. Siamo nella 6° estinzione di massa, dovuta alla crisi climatica e ecologica più imponente della storia umana, “la sfida più grande dell’umanità”, come l’ha definita lo stesso Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres. I livelli di anidride carbonica nell’atmosfera sono oggi i più elevati degli ultimi 800.000 anni. L’ultima volta che la concentrazione di anidride carbonica era così alta gli esseri umani non esistevano. Divampano incendi fuori controllo in Indonesia, Siberia, Brasile; in Australia sono bruciati più di 6 milioni di ettari di foresta; i ghiacciai si sciolgono senza sosta, cancellando migliaia di chilometri di coste e destinando centinaia di città costiere a scomparire per sempre; il permafrost si scioglie con più di 70 anni di anticipo rispetto alle previsioni, liberando nell’aria spore e batteri sconosciuti. È la cronaca di una morte annunciata, il risultato dell’inerzia e dell’irresponsabilità dei governi mondiali.

 

 

Foto della performance:  https://drive.google.com/drive/folders/19etWVTnHPAbvT-Y3sK3XhP5rGO219vb4?usp=sharing

Video-clip della performance:
disponibile il 7/06/2020 su: https://drive.google.com/open?id=14V315uEieWSrYNYSfbPfdHAYhR0T82jU

Contatti:
Ufficio Stampa: 340.6244276 

Categorie: Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa, Politica
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.