Madre senza documenti si rifugia in una chiesa di Denver, Colorado

16.02.2017 - Democracy Now!

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese

Madre senza documenti si rifugia in una chiesa di Denver, Colorado

Mercoledì una madre di quattro figli ha chiesto asilo in una chiesa di Denver, Colorado, dopo che i funzionari dell’ICE (Immigration and Customs Enforcement) avevano respinto la sua richiesta di rimanere nel paese. Jeanette Vizguerra ha evitato un appuntamento con i funzionari e si è rifugiata con la sua famiglia nella First Unitarian Society Church, dove si è così rivolta ai sostenitori.

Jeanette Vizguerra: “Se questo sistema pensa di spezzarmi e di farmi cadere in ginocchio si sbaglia di grosso. Dietro di me potete vedere le ragioni per cui mi batto tanto per vincere. E so di non essere sola. So che nella comunità e tra gli immigrati ci sono molte persone che condividono la mia rabbia e la mia sete appassionata di giustizia.”

Vizguerra è arrivata negli Stati Uniti dal Messico nel 1997. Ha ottenuto cinque rinvii della deportazione, ma mercoledì ha dichiarato che dubita di poter ottenere un provvedimento del genere sotto l’amministrazione Trump.

Categorie: Diritti Umani, Nord America
Tags: , , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.