Risposta ufficiale di San Francisco all’elezione di Trump

01.12.2016 - San Francisco, California - Pressenza New York

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese, Greco

Risposta ufficiale di San Francisco all’elezione di Trump

Il Consiglio delle autorità di vigilanza di San Francisco ha recentemente approvato una risoluzione, proposta dal Presidente del Consiglio London Breed, in risposta all’elezione di Donald Trump. La risoluzione è la seguente:

DATO CHE, l’8 novembre 2016, Donald Trump è stato eletto per diventare il 45° Presidente degli Stati Uniti; ora, quindi, sia

DELIBERATO, che a prescindere dalle minacce fatte dal Presidente eletto Trump, San Francisco rimarrà una Città Santuario. Non volteremo le spalle agli uomini e alle donne di altri paesi che aiutano a rendere grande questa città, e che rappresentano più di un terzo della nostra popolazione. Questo è il Golden Gate – noi costruiamo ponti, non muri; e sia

INOLTRE DELIBERATO, che noi non cederemo mai sui diritti delle donne, in ambito sanitario, sul posto di lavoro, o in qualunque altra area minacciata da un uomo che tratta le donne come ostacoli da schernire o oggetti da aggredire. E altrettanto importante, ci assicureremo che le nostre ragazze crescano con modelli che mostrino loro che possono essere o fare qualunque cosa; e sia

INOLTRE DELIBERATO, che a San Francisco non ci sarà alcuna terapia di conversione, alcuna revoca dei diritti. Abbiamo iniziato a ospitare matrimoni gay dodici anni fa, e non ci fermeremo ora. E a tutte le persone LGBT del paese che si sentono spaventate, vittime di bullismo, o sole: voi contate; voi siete viste; voi siete amate. San Francisco non smetterà mai di combattere per voi; e sia

INOLTRE DELIBERATO, che ancora crediamo nel principio fondante di questa nazione della libertà religiosa. Non metteremo al bando le persone per la loro fede. E le uniche liste che teniamo sono per invitare a venire a pregare insieme; e sia,

INOLTRE DELIBERATO, che Black Lives Matter (ndt: le vite dei neri importano) a San Francisco, anche se forse non alla Casa Bianca. Guidati dalla task force del Presidente Obama sulla Vigilanza del 21° Secolo, continueremo a riformare il nostro dipartimento di polizia e a ricostruire la fiducia tra la polizia e le comunità di colore affinché tutti i cittadini si sentano sicuri nei loro quartieri; e sia

INOTRE DELIBERATO, che il cambiamento climatico non è una bufala, o un complotto dei cinesi. In questa città, circondata dall’acqua su tre lati, la scienza importa. E continueremo il nostro lavoro su Energia Pulita, Zero Rifiuti, e qualunque altra cosa stiamo facendo per proteggere le generazioni future; e sia

INOLTRE DELIBERATO, che da quasi un decennio in questa città forniamo cure mediche universali, e se la nuova amministrazione persegue la sua spietata promessa di revocare l’assicurazione sanitaria a 20 milioni di persone, a San Francisco saranno protette; e sia

INOLTRE DELIBERATO, che noi siamo il luogo di nascita delle Nazioni Unite, una città resa più forte dalle migliaia di visitatori internazionali che accogliamo ogni giorno. Continueremo a impegnarci per l’internazionalismo e per i nostri amici e alleati in tutto il mondo – che ci sia o meno l’amministrazione di Washington; e sia

INOLTRE DELIBERATO, che San Francisco rimarrà una città di Primo Transito e continuerà a costruire sistemi Muni (Municipal Railway) e BART (Bay Area Rapid Transit) su cui tutti possiamo contare, che questa amministrazione persegua la sua proposta di eliminazione del finanziamento per il transito federale o meno; e sia

INOLTRE DELIBERATO, che la California è la sesta economia più grande del mondo. La Bay Area è la capitale innovativa del paese. Non saremo vittime delle minacce di revoca del nostro finanziamento federale, né sacrificheremo i nostri valori o i membri della nostra comunità per i vostri dollari; e sia

INOLTRE DELIBERATO, che condanniamo tutti i crimini e i discorsi di odio perpetrati sulla scia di questa elezione; che sebbene gli Stati Uniti avranno presto un Presidente che ha dimostrato una mancanza di rispetto per i valori che a San Francisco abbiamo nella massima considerazione, questo non può cambiare chi siamo, e non cambierà mai i nostri valori. A San Francisco discutiamo, ci battiamo e dibattiamo con vigore, ma su questi punti siamo uniti al 100%. Combatteremo la discriminazione e la sconsideratezza in tutte le sua forme. Siamo un’unica Città. E andremo avanti insieme.

Traduzione dall’inglese di Matilde Mirabella

Categorie: Comunicati Stampa, Nord America, Politica
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.