Costa D’Avorio: ad Abidjan, aspettando le elezioni

23.10.2015 - Abidjan - MISNA Missionary International Service News Agency

Costa D’Avorio: ad Abidjan, aspettando le elezioni
(Foto di Wikimedia Commons)

“La gente per strada dice: ‘Purchè non ci sia la guerra…’. Quello che vogliono è pace e stabilità e per questo sembrano disposti a riconfermare il presidente per altri cinque anni”. Padre Dario Dozio, della Società delle missioni africane (Sma), parla con la MISNA da Abidjan, in Costa d’Avorio, paese in cui domenica oltre 6 milioni e 300 mila persone saranno chiamate alle urne per le  presidenziali.

Si tratta del primo voto dopo quello del 2010, che fu seguito da un conflitto tra i sostenitori dell’allora presidente uscente, Laurent Gbagbo e il vincitore decretato delle urne, Alassane Ouattara: i morti furono oltre 3.000. Cinque anni dopo, Ouattara resta largamente favorito sui suoi sette sfidanti, tra cui spiccano Pascal Affi N’Guessan, che guida il partito di Gbagbo (Fronte popolare ivoriano, o Fpi) mentre il leader è sotto processo all’Aia e Charles Konan Banny, ex premer che con altri delusi da Ouattara ha fondato la Coalizione nazionale per il cambiamento (Cnc).

“La popolazione non si è appassionata alla campagna elettorale, la situazione è diversa da cinque anni fa: in città la situazione è tranquilla, anche se altrove ci sono stati disordini, ma c’è qualche paura visto quel che è successo nel 2010”, spiega ancora padre Dozio. “Il paese deve tornare unito: la gente è ancora divisa, tanti hanno sofferto e molte famiglie ancora non rientrano nel paese dal Ghana o dalla Liberia, perché hanno timore”, continua il missionario, secondo cui “di pace si è parlato molto, ma le ferite interiori restano”.

Ouattara però ha dalla sua parte i dati economici: secondo il Fondo monetario internazionale, il prodotto interno lordo crescerà dell’8,4% sia quest’anno che il prossimo, ma le opposizioni – in particolare Banny, che come il presidente ha una formazione da economista – rimproverano a Ouattara di non aver saputo ridistribuire i frutti di questa crescita.

Ad essere criticata è anche la gestione delle questioni lasciate aperte dal conflitto: oltre 10.000 armi da fuoco in mano alle vecchie milizie sono state raccolte o sequestrate, ma non è chiaro quante ne restino in circolazione. I processi condotti contro i fedelissimi di Gbagbo, inoltre sono stati criticati da una parte dell’opinione pubblica, in quanto considerati un esempio di “giustizia dei vincitori”.

Categorie: Africa, Comunicati Stampa, Politica
Tags: , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.