Si apre il vertice tra Sudamerica e Paesi Arabi

01.10.2012 - MISNA Missionary International Service News Agency

Si apre il vertice tra Sudamerica e Paesi Arabi
(Foto di http://bit.ly/Pe9jVb)

Fervono i preparativi nella caotica capitale peruviana Lima, con un forte dispiegamento di forze di sicurezza, per l’avvio dei lavori del III Summit Sudamerica-Paesi arabi (Aspa): al vertice sono attesi 2000 partecipanti in rappresentanza dell’Unione delle nazioni sudamericane (Unasur) e della Lega Araba, oltre a centinaia di imprenditori.

Il presidente Ollanta Humala ha rivolto un messaggio di benvenuto agli ospiti – dall’emiro del Qatar, Hamad bin Khalifa Al Thani, al segretario generale della Lega Araba, Nabil El Arabi, al re di Giordania, Abdullah II – a nome del Perù, “nazione dalla cultura millenaria e dalla vigorosa modernità”. Ha rassicurato gli investitori sostenendo che il suo paese gode di un’economia solida e di una politica macro-economica che incentiva la partecipazione straniera, senza tuttavia fare riferimento ai numerosi conflitti sociali che ne scaturiscono.

Inizialmente previsto nel febbraio 2011, ma rinviato a seguito delle cosiddette ‘primavere arabe’, il Summit segue quelli di Brasilia (2005) e Doha (2009). La giornata odierna sarà dedicata a riunioni bilaterali tra delegazioni e a una conferenza degli imprenditori; domani si terrà il vertice dei capi di Stato, essenzialmente a porte chiuse, che si concluderà con una dichiarazione congiunta, già “pronta al 90%”, come ha detto ieri il capo della diplomazia periviana, Rafael Roncagliolo.

Il ministro ha anche precisato che il Perù ha insistito per porre l’accento nel testo sui temi del disarmo e della risoluzione pacifica dei conflitti; la dichiarazione dovrebbe contenere riferimenti alla situazione in Siria, una condanna del terrorismo e della violenza a sfondo religioso, ma anche a una serie di accordi futuri nei campi della finanza, dell’economia, dello sviluppo sociale, dell’ambiente e della scienza e tecnologia.

Inizialmente prevista, la partecipazione del presidente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp), Mahmoud Abbas, non è stata infine confermata; tra gli altri sono attesi invece il presidente tunisino, Moncef Marzouki, e il libanese Michel Sleiman. Per l’Unasur saranno presenti Juan Manuel Santos (Colombia), Sebastián Piñera (Cile), Rafael Correa (Ecuador), José Mujica (Uruguay), Donald Ramotar (Guyana), Cristina Kirchner (Argentina), Dilma Rousseff (Brasile) e Evo Morales (Bolivia).

Categorie: Internazionale, Politica, Sud America
Tags:

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.