Tatiana De Barelli

Tatiana De Barelli

Born with the gene of idealism, I have always wanted to change the world. At the age of 25, I met three crazy "humanists" and, little by little, with the friends of the Humanist Movement, I was able to collaborate in many projects around active nonviolence. The international dimension has always attracted me a lot and for 10 years I travelled to West Africa to support many social projects with the people there. Graphologist and educational psychologist, in 2008 I created Educ'art "When education is an art". It seems to me that school can be "the place" that opens children to their creativity, to their potential to transform the world. Together with professionals in the field of learning, we offer numerous training courses and exchanges with this objective in mind. Writing is also a passion. In 2010, I wrote a book "Les Enjeux de l'Ecrire" (The Stakes of Writing) which places the gesture of writing in its human dimension. In 1982, I married Jorge, an Argentinean, we have two sons who have become magnificent men. The relationship between a couple and a mother continues to be for me the most important human construction in terms of life choices.

Un migliaio di spazi pubblicitari sequestrati per chiedere «Giustizia per Mawda»

Mentre presso il tribunale penale di Mons inizia il «processo Mawda», un migliaio di spazi pubblicitari sono stati sequestrati in tutto il Belgio a favore della campagna «Giustizia per Mawda». L’azione mira a denunciare gli effetti mortali di una politica…

Incontro con Marie Doutrepont: «dovremo rendere conto ai nostri figli per il nostro comportamento» a proposito del campo di Moria e della politica di accoglienza della UE

Marie Doutrepont su Moria : «ogni traccia di umanità sparisce come una goccia d’acqua su una lastra di cemento caldo». Marie Doutrepont è un’avvocatessa belga, autrice del libro «Moria: Cronache dei limbi dell’Europa»,180° edizione – 2018. Dopo aver letto il…

Bruxelles: tutti in strada per il rifinanziamento della Sanità!

Anche il sole era dalla nostra parte! Questa domenica, su invito del collettivo « La Santé en lutte », più di 4000 persone, tra medici, infermieri, paramedici e pazienti, hanno manifestato a Bruxelles, in gruppi di 400 persone munite di…

Evacuate Moria, Now ! Manifestazione davanti al Parlamento europeo a Bruxelles

Nella bella piazza davanti al maestoso Parlamento Europeo, giganteschi cartelloni esaltano i meriti di un’Europa sorridente, con bellissimi slogan per la promozione dell’Europa: « count on Europe » (contate sull’Europa!) Eppure, oggi, è un’altra Europa, irresponsabile e timorosa dello straniero,…

Mare nostro che non sei nei cieli

Raphy ha recentemente cantato nei centri per richiedenti asilo. Toccato da certe testimonianze, vi ha ritrovato le origini della sua stessa esistenza, essendo egli stesso “frutto dell’immigrazione”: nel 1939 sua madre scappò dalla guerra in Spagna, vi tornò nel 1940…

2 Dicembre: Giornata Mondiale contro lo Schiavismo, ma non in Mauritania

In occasione della Giornata internazionale per l’abolizione della schiavitù, l’IRA Mauritania-Belgio invita la comunità internazionale a prendere coscienza di questa realtà, oscurata dalle autorità mauritane, che continuano a parlare di “conseguenze” della schiavitù che ora persisterebbero solo nelle campagne. Questa…

Bonn: COP23 e la più grande manifestazione contro il carbone mai tenuta in Germania

Sabato scorso, 4 novembre, 25.000 persone hanno marciato pacificamente per le strade di Bonn durante una colorata manifestazione per chiedere al governo tedesco di rispettare gli accordi di Parigi ed eliminare progressivamente il carbone. Si tratta della più grande manifestazione…

Basta musica a scuola? Una minaccia europea

José A. Rodríguez García Quiles è musicista, professore di educazione musicale presso l’Università di Granada, e la facoltà di Scienze dell’educazione a Berlino. Vuole mettere in guardia l’Europa riguardo alla scelta dei valori educativi attraverso i programmi scolastici. Denuncia la…

Educazione: verso una cultura della cooperazione

“Cooperare per imparare e imparare a cooperare” era il tema della formazione scelta da una ventina di insegnanti presso Liegi (Belgio) che ho avuto il piacere di co-animare con Isabelle. Piccolo particolare: la maggior parte dei partecipanti sono “maestri speciali”…

Attentati a Bruxelles: come sarà domani?

Abito a Bruxelles. Ieri a 200 metri da casa mia è esplosa una bomba, un’ora dopo il dramma dell’aereoporto. Shock. Panico, orrore assurdo e incomprensibile e, al tempo stesso una sensazione di evidenza: potevamo aspettarcelo! Come chiedere una “sicurezza” nazionale…

1 2