Riccardo Noury

Riccardo Noury

Portavoce di Amnesty International Italia, di cui fa parte dal 1980. Autore e coautore di numerose pubblicazioni sui diritti umani, l'ultima delle quali è "Srebrenica. La giustizia negata" (con Luca Leone, Infinito Edizioni 2015). Blogger per il Corriere della Sera, il Fatto quotidiano, Articolo 21 e collaboratore di Pressenza.

28.11.2016

Malaysia, rilasciata attivista per la riforma elettorale

Malaysia, rilasciata attivista per la riforma elettorale

Gli appelli provenienti dalle organizzazioni per i diritti umani hanno convinto le autorità della Malaysia a rilasciare, dopo 10 giorni di carcere e prima dell’udienza di convalida dell’arresto, Maria Chin Abdullah, co-presidente del movimento della società civile Berish 2.0, che sta svolgendo una campagna per la riforma del sistema elettorale… »

21.11.2016

Venezuela, parlamentare rilasciato dopo oltre due anni

Venezuela, parlamentare rilasciato dopo oltre due anni

Rosmit Mantilla, parlamentare venezuelano del partito  “Volontà popolare”, attivista per i diritti delle persone Lgbti e prigioniero di coscienza adottato da Amnesty International, è tornato in libertà giovedì 17 novembre. Mantilla era detenuto in attesa del processo da oltre due anni in una struttura penitenziaria dei servizi segreti di Caracas,… »

19.11.2016

Mauritania, rilasciati 10 attivisti contro la schiavitù

Mauritania, rilasciati 10 attivisti contro la schiavitù

Venerdì 18 novembre una corte d’appello della Mauritania ha assolto tre attivisti di Ira-Mauritania (Iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista, una Ong che lotta contro la schiavitù nel paese dell’Africa occidentale) e ha ridotto le pene ad altri sette, che beneficeranno a loro volta del rilascio avendo già scontato… »

17.11.2016

Messico: dopo cinque anni di carcere, rilasciate tre donne stuprate per farle “confessare”

Messico: dopo cinque anni di carcere, rilasciate tre donne stuprate per farle “confessare”

La mattina del 17 novembre Denise Lovato, Korina Urtrera e Wendy Díaz sono finalmente uscite da una prigione dello stato di Morelos, in Messico. Non avrebbero mai dovuto mettervi piede. Nel 2011 le tre donne erano state stuprate da soldati della Marina affinché confessassero reati mai commessi. In Messico, purtroppo,… »

16.11.2016

Kenya, rinviata di sei mesi la chiusura del più grande campo rifugiati del mondo

Kenya, rinviata di sei mesi la chiusura del più grande campo rifugiati del mondo

Il Kenya ospita oltre mezzo milione di rifugiati, almeno 330.000 dei quali sono somali. Di questi, circa 260.000 si trovano nel campo di Dadaab, il più grande del mondo. Doveva chiudere il 30 novembre, per ragioni di sicurezza (negli ultimi tre anni il paese è stato colpito da gravissimi attentati… »

03.11.2016

Giulio Regeni: su cosa s’indaga al Cairo?

Giulio Regeni: su cosa s’indaga al Cairo?

Alla vigilia del nono mese dal ritrovamento del suo corpo, segnato da terribili torture, è arrivata la decisione dei magistrati egiziani di restituire ai colleghi italiani i documenti personali di Giulio Regeni. “Documenti personali”, di una persona che non c’è più. Non perita accidentalmente, ma assassinata. La restituzione fa parte… »

31.10.2016

Pakistan, sospesa in extremis l’impiccagione di un prigioniero schizofrenico

Pakistan, sospesa in extremis l’impiccagione di un prigioniero schizofrenico

Tiriamo un sospiro di sollievo: Imdad Ali,  il cittadino pachistano condannato a morte nonostante fosse e sia tuttora affetto da schizofrenia paranoide, non sarà impiccato il 2 novembre. Forse non lo sarà mai più. Ali ha iniziato a star male nella seconda metà degli anni Novanta. Il padre… »

24.10.2016

Kenya, commutate 2.747 condanne a morte

Kenya, commutate 2.747 condanne a morte

Di commutazioni di massa di condanne a morte se ne vedono raramente, ma è quanto accaduto il 24 ottobre in Kenya, dove il presidente Uhuru Kenyatta ha svuotato i bracci della morte commutando in ergastolo tutte le condanne alla pena capitale pendenti: esattamente 2.747! A mia memoria, la più grande… »

19.10.2016

Corea del Sud, storica sentenza in favore dell’obiezione di coscienza

Corea del Sud, storica sentenza in favore dell’obiezione di coscienza

Nel paese nel quale sono in carcere più obiettori di coscienza al servizio militare (399) che nel resto del mondo, lunedì 17 ottobre la corte d’appello di Gwangju ha emesso un verdetto storico. Per la prima volta, un tribunale della Corea del Sud ha dato ragione a tre persone che,… »

18.10.2016

Guantánamo, mai processato. Torna a casa dopo 14 anni

Guantánamo, mai processato. Torna a casa dopo 14 anni

Il 17 ottobre Mohamedou Ould Slahi è tornato nel suo paese di origine, la Mauritania, da cui mancava da 14 anni: un periodo di tempo trascorso nel centro di detenzione statunitense di Guantánamo Bay, senza mai essere accusato, né tanto meno processato. Nessuno risarcirà Mohamedou Ould Slahi per questi 14… »

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.