Walimohammad Atai

Walimohammad Atai

Walimohammad Atai è nato in Afghanistan il 05 gennaio 1996, dopo aver frequentato la scuola superiore di Nangarhar, si è specializzato in grammatica di inglese presso Kabul English Language Centre. Si è occupato attivamente di diritti umani sin da piccolo, era piccolo quando suo padre Medico Atta Mohammad fu ucciso dalla gente del posto con l’aiuto dei talebani. Già in qualità di giovane insegnante e Artista delle sculture per Atai English Language Centre (2011-2012) aveva sviluppato un interesse particolare per i diritti delle donne e bambini del suo villaggio. Fin dai primi anni della sua infanzia si abitua a vivere a contatto con la guerra, della quale sperimenta tutte le passioni attraverso i successi e le sconfitte di suo padre. Nell’anno 2012 è stato accusato dai talebani di essere un’infedele e spia contro l’emirato islamico dell’Afghanistan. subisce un attentato da parte di un commando di Talebani. Sopravvissuto miracolosamente all'attacco, inizia una riflessione sulla propria vita che lo conduce a un radicale cambiamento: depone le armi, chiede ed ottiene asilo in Italia, dove inizia un capillare lavoro di informazione e dialogo interreligioso e interculturale. Si è laureato in Italia presso l’università di ICOTEA in scienza della mediazione linguistica, fa l’interprete e mediatore interculturale con le commissioni territoriali, tribunali, questure e ospedali. Da 2015 è direttore del centro accoglienza per i richiedenti asilo e rifugiati di Zavattarello, vuole diventare medico come suo padre e si sta preparando per cominciare il corso di laurea in medicina.

16.01.2018

Foggia: conoscere l’Afghanistan

Foggia: conoscere l’Afghanistan

2 febbraio a Foggia ore 19.30 presso Calebasse “Viaggio in Afghanistan”, colori profumi e sapori del mondo afghano; una iniziativa per avvicinare mondi lontani. L’Afghanistan si è fatto recentemente teatro di oscurantismi a sfondo religioso, persecuzioni e morte. Una delle gravissime conseguenze è stata la dispersione del suo millenario… »

06.01.2018

Afghanistan: sta cambiando la condizione della donna?

Afghanistan: sta cambiando la condizione della donna?

Dalla caduta del regime dei talebani a oggi le donne non hanno avuto il permesso di tornare al lavoro, il governo non le aiuta, né hanno avuto posti di rilievo nel governo. La repressione delle donne è ancora prevalente nelle zone rurali, dove molte famiglie ancora obbligano le proprie madri,… »

28.06.2017

Nigeria: il terrorismo vuole cambiare la società. Dobbiamo impedirglielo

Nigeria: il terrorismo vuole cambiare la società. Dobbiamo impedirglielo

 Dal 2009, da quando l’organizzazione terroristica Boko Haram ha cominciato a mostrare il suo vero volto, ci sono state più di 20.000 persone uccise, e oltre 2000 donne e ragazze sono state rapite, violentate, costrette a matrimoni con i militanti. Ad oggi la Nigeria è… »

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.