Gli svedesi Peo Hansen e Stefan Jonsson portano alla luce l’origine coloniale dell’Unione Europea, in un saggio incentrato sul concetto poco noto di Eurafrica. Questa nozione controversa godette di una gloria fugace fino alla conclusione del Trattato di Roma nel 1957 prima di essere cancellata dalla memoria.

 

La seconda stagione della serie del Parlamento, online da maggio, si apre con una mappa del Congo belga, appesa al muro da un eurodeputato nel suo ufficio di Strasburgo; le sue convinzioni politiche si possono facilmente immaginare. Questo piano furtivo non è privo di eco al progetto del saggio di due accademici svedesi appena pubblicato da La Découverte: riscrivere la storia gloriosa degli inizi dell’integrazione europea, incorporando l’eredità tossica del colonialismo.
Peo Hansen e Stefan Jonsson guidano questa impresa concentrandosi su un concetto che ebbe un successo di breve durata, in particolare sotto la Quarta Repubblica in Francia (1946-1958), ma anche in altri paesi vicini, quello di “Eurafrica”. A riprova dell’impatto di questo concetto svanito, c’è questa prima pagina di Le Monde del 21 febbraio 1957, nel bel mezzo delle trattative per il Trattato di Roma: “Primo passo verso l’Eurafrica”. Gli autori affermano che “Eurafrica ha reso possibile il processo di integrazione europea e costituisce quindi una parte nascosta della storia dell’Unione”, convinti che “l’UE non sarebbe nata in questo momento storico se non fosse stata concepita come un’impresa per europeizzare il colonialismo”.

Emergendo negli anni ’20, Eurafrica è un concetto geopolitico dai contorni vaghi, una delle cui funzioni è quella di adornare in nuove vesti un progetto coloniale sempre più contestato dai colonizzati. Questo concetto si basa sull’idea che l’Europa e l’Africa hanno un destino legato. Si basa anche sulla “superiorità razziale” europea. Ma l’Africa non è più questo continente primitivo, bensì una “terra del futuro”, che spetta agli europei attrezzare, popolare e modernizzare. Tuttavia, “l’Africa potrebbe essere sfruttata in modo efficace solo se gli Stati europei collaborassero e unissero le loro capacità economiche e politiche”. Una forma di partnership “win-win” per avvicinare i due continenti all’unione. Secondo Hansen e Jonsson, il concetto getterà le basi di un “neocolonialismo” europeo ancora in vigore in Africa, in particolare attraverso lo sfruttamento delle materie prime. Indicano la stessa retorica di “interdipendenza” e “reciprocità” nei discorsi di Ursula von der Leyen, attuale presidente della Commissione, quando evoca la “strategia globale con l’Africa. “Molti francesi tra gli “eurafricani”.

Il testo è una traduzione rivista di una prima versione pubblicata in inglese nel 2014. Accompagnato da una prefazione degli autori scritta nel 2021, è curato da Thomas Deltombe, già responsabile di un capitolo su Eurafrica nell’opera collettiva pubblicata da Seuil lo scorso anno sui decenni della “Françafrica”. Fin dall’inizio, Hansen e Jonsson prendono le distanze dall'”europeismo” che permea gran parte del lavoro delle scienze sociali sull’UE. Denunciano la “complicità [degli accademici] nell’instaurazione di un’interpretazione selettiva e parziale del passato”, di una narrativa fondante purificata “al servizio di un’identità europea ingenua e idealizzata” – a rischio di ignorare alcuni testi importanti come come quella di Antonin Cohen sul dubbio stato d’animo di alcuni “padri fondatori”, tra cui Monnet e Schuman, nel periodo tra le due guerre (Da Vichy alla Comunità Europea, PUF, 2012).
Comunque sia, il saggio ricostruisce con forza una serie di dibattiti che sono caduti nell’oblio – anche “repressi” o “cancellati”, come affermano gli autori. “L’Africa sarà alla nostra portata solo se l’Europa si unisce”, scriveva nel 1929 Coudenhove-Kalergi, considerato uno dei pionieri del progetto europeo, pacifista, figura dell’antinazismo e teorico del “paneuropeismo”. Il che arriva a dire, tra le varie proiezioni razziste che non lo conoscevamo: “L’Europa è la testa di Eurafrica, l’Africa è il suo corpo».

Diverse strade spiegano l’ascesa del concetto di Eurafrica nel periodo tra le due guerre: il desiderio di rafforzare “una terza sfera geopolitica” di fronte all’influenza degli Stati Uniti e dell’Unione Sovietica nel processo di imporsi come superpotenze, o il desiderio di sfruttare le risorse africane – nelle materie prime così come nelle risorse umane, per gestire fabbriche o fare guerre.

A forza di isolare, negli archivi consultati, i discorsi su Eurafrica, gli autori trascurano indubbiamente l’importanza di altre dinamiche per far luce sugli inizi dell’integrazione europea. Ma la loro osservazione rimane sorprendente, e la galleria degli “eurafricani” ansiosi di unificare l’Europa per “stabilizzare, riformare e reinventare” meglio il sistema coloniale in Africa, si agghiaccia.

Ci sono molti francesi, come Eirik Labonne, “profeta dell’Eurafrique” ossessionato dalle risorse del sottosuolo africano, e il cui piano che porta il suo nome immagina la creazione di “Zone di organizzazione industriale e strategica africana” (ZOIA) – militare francese- complessi industriali in Africa -, a Guy Mollet, Presidente del Consiglio all’epoca del Trattato di Roma, che spingerà l’associazione dei “paesi e territori d’oltremare” al mercato comune che si sta delineando.

All’epoca l’Algeria doveva rimanere a tutti i costi francese ed Eurafrique divenne una leva perfetta per raggiungere questo obiettivo. “È tutta l’Europa che sarà chiamata a contribuire allo sviluppo dell’Africa […]. Le nazioni isolate non hanno più le dimensioni del mondo. Cosa significherebbe l’Algeria da sola? Quale sarebbe invece il suo futuro come una delle fondamenta della nascente comunità euroafricana? “, lancia Guy Mollet all’Assemblea delle Nazioni Unite il 9 gennaio 1957. Eurafrique ha permesso di assicurare “la continuazione di antichi rapporti di dominio”.

Affascinanti le pagine dedicate ai negoziati del Trattato di Roma tra i sei paesi fondatori: il sostegno della Germania di Konrad Adenauer all’Algeria francese, la riluttanza degli olandesi, che temono di essere coinvolti, loro malgrado, in “problemi politici”, il ruolo dell’ivoriano Félix Houphouët-Boigny, inviato a Bruxelles per difendere la posizione di Parigi, lo sbalorditivo progetto di una “Ruhr nel deserto del Sahara”, etc.

Se gli africani non hanno voce in capitolo, viene finalmente registrato il principio di “associazione” dei paesi colonizzati al Trattato di Roma, accompagnato da un “Fondo europeo di sviluppo”. L’Africa è stata associata all’UE sin dalla sua fondazione. Come notò un diplomatico britannico nel gennaio 1957, “si potrebbe pensare a una continuazione del colonialismo francese, finanziata dai fondi tedeschi”. Misuriamo qui fino a che punto gli interessi di Eurafrica e quelli di Françafrique – molto più documentati – si siano alimentati a vicenda. Per Hansen e Jonsson, Eurafrique ha assicurato “la continuazione dei vecchi rapporti di dominio”. In altre parole: l’ondata di decolonizzazione non ha provocato una rottura, ma piuttosto “un processo progressivo attraverso il quale il vecchio sistema si è trasformato delicatamente in uno nuovo, senza modificare i parametri fondamentali che determinano il rapporto tra l’Africa e il mondo. ‘Europa’ . Eurafrique avrebbe permesso questa transizione “liscia”.

Dopo il Trattato di Roma del 1957, il concetto di Eurafrica scomparve dai dibattiti. La costruzione europea si intensificò e iniziò a produrre la propria gloriosa storiografia. Da qui l’importanza di questo aggiornamento dell’origine coloniale dell’Unione, che coincide con l’insorgere di dibattiti postcoloniali in tutto il continente (ma che, stranamente, è la prefazione degli autori all’edizione francese del libro, scritta nel 2021 , mette completamente da parte, come se l’Unione fosse solo una questione di istituzioni, e soprattutto di una, la Commissione).

Mentre il settimanale The Economist vede con favore “la rinascita dell’Eurafrica” nel 2018, o i vertici UE-Unione africana si susseguono a Bruxelles per celebrare il “partenariato speciale tra Europa e Africa” – l’ultimo sotto la presidenza francese, a febbraio – L’attualità di questo saggio lascia pochi dubbi. Lo sottolinea anche il filosofo Étienne Balibar, nella sua prefazione. Egli rileva la permanenza, fino ad oggi, di alcuni temi che hanno accompagnato i primi dibattiti sull’Eurafrica, in particolare l’ossessione per le migrazioni e l’insistenza sul “problema demografico”. E di osservare correttamente un “capovolgimento di prospettive tipicamente postcoloniali”. Fino agli anni ’50, la sfida era inviare “l’eccedenza demografica europea” sul suolo africano… Resta da vedere se gli eurodeputati e i Commissari europei che in questi giorni stanno lavorando a Bruxelles oseranno cogliere l’occasione per riaprire questi dibattiti, anche entro i confini delle istituzioni.

 

* recensione di Ludovic Lamant pubblicata il 25 giugno 2022 su mediapart.fr col titolo: “ L’« Eurafrique » : quand le projet européen soutenait des ambitions coloniales” (traduzione di Salvatore Palidda)
Peo Hansen and Stefan Jonsson, Eurafrica: The Untold History of European Integration and Colonialism, Bloomsbury Publishing PLC, 2015 [in francese : Peo Hansen e Stefan Jonsson, Eurafrica. Eurafrique. Aux origines coloniales de l’Union européenne, traduction de l’anglais par Claire Habart, préface d’Étienne Balibar, éditions La Découverte, 2022, pp. 376]
libro non tradotto in italiano. Di seguito la prefazione in inglese: https://www.bloomsburycollections.com/book/eurafrica-the-untold-history-of-european-integration-and-colonialism/preface.pdf?; e l’introduzione: https://www.bloomsburycollections.com/book/eurafrica-the-untold-history-of-european-integration-and-colonialism/ch1-introduction-the-past-that-europe-forgot.pdf?dl.
vedi anche : https://www.jstor.org/stable/10.5406/historypresent.7.1.0001 e anche intervista agli autori (in inglese): http://www.atlasoftransitions.eu/focus/the-untold-story-of-eurafrica/