Geoingegneria, coprire il sole con un dito

09.06.2021 - La Bottega del Barbieri

Geoingegneria, coprire il sole con un dito
(Foto di ecor.network)

A un’estremità del mondo, attorno al circolo polare artico, è in corso una lotta che ci riguarda tutti. Le popolazioni indigene della regione e le organizzazioni ambientali svedesi e internazionali si oppongono fermamente a un esperimento per far avanzare la geoingegneria solare, una proposta tecnologica ad alto rischio. Su larga scala, bloccare parte dei raggi del sole con nuvole artificiali potrebbe causare siccità e altri disastri, mettendo a rischio l’acqua e le fonti di cibo di miliardi di persone. Un progetto dell’Università di Harvard, finanziato da Bill Gates e altri miliardari, mira a utilizzare il territorio degli indigeni Saami a Kiruna, in Svezia, per condurre un esperimento con questa tecnologia.
Il 24 febbraio scorso, il Consiglio Saami, che riunisce i popoli Saami di Svezia, Norvegia, Finlandia e Russia, ha espresso la propria opposizione al progetto e ha chiesto al governo svedese di annullare l’esperimento per mancanza di previa consultazione e consenso dei loro popoli. Anche perché l’esperimento è quello di sviluppare una tecnologia molto pericolosa che interesserebbe l’intero pianeta, quindi sottolineano che non è compito di un gruppo di Harvard o di alcuni governi decidere in merito.

Sebbene la geoingegneria appaia ancora a molte persone come fantascienza, il gioco geopolitico e le implicazioni dello sviluppo tecnologico sono una minaccia molto reale e in rapido progresso.

Lungo questo percorso, l’Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti ha appena spostato un altro tassello sulla scena mondiale. Il 25 marzo ha pubblicato il rapporto Reflecting Sunlight in cui raccomanda al governo di quel paese di stanziare immediatamente da 100 a 200 milioni di dollari per far avanzare la ricerca e la sperimentazione con la geoingegneria solare e i metodi con cui deve essere governata. Questo investimento moltiplica da cinque a 20 volte il finanziamento pubblico per la ricerca di geoingegneria da parte di governi come Unione Europea, Cina, Russia e Corea. Tuttavia, il più grande investimento nello sviluppo della geoingegneria proviene dai super milionari, guidati da Bill Gates, Jeff Bezos, Elon Musk e altri titani della tecnologia.

Secondo Raymond Pierrehumbert, professore presso l’Università di Oxford e autore principale dei rapporti globali dell’IPCC, il nuovo rapporto non fornisce più informazioni scientifiche di quelle già esistenti in un precedente sulla geoingegneria, pubblicato dall’Accademia nel 2015. Chiaramente, il Il messaggio principale ora non è scientifico, ma politico.

Si tratta di un tentativo di legittimare la sperimentazione in campo aperto con questa rischiosa tecnologia, come quella che intendono fare nel territorio Saami e prima in altri territori indigeni dall’Arizona e dall’Alaska al Canada e all’Australia. Allo stesso tempo, assicurare che gli Stati Uniti (governo, aziende, università) guidino sia gli investimenti nella geoingegneria, sia la definizione di chi decide in merito. Avere sussidi pubblici è anche un modo per riciclare il denaro che investono i miliardari, facendolo sembrare pertinente.

Il rapporto dell’Accademia riconosce che la geoingegneria solare è altamente pericolosa e ingiusta, poiché comporta impatti disuguali: mentre alcuni paesi trarrebbero vantaggio da picchi di temperatura più bassi, altri soffriranno di siccità e maggiori squilibri climatici.

A causa dei suoi rischi elevati, la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica (CBD) ha stabilito nel 2010 una moratoria sull’uso di questa tecnologia e una richiesta di estrema cautela e di rispetto di una serie di condizioni preliminari, come un meccanismo multilaterale di governance e consultazione previa delle popolazioni indigene e delle comunità locali – consultazione che si applica anche agli esperimenti su piccola scala.

Per eludere questa e altre decisioni delle Nazioni Unite – gli Stati Uniti non fanno parte del CBD, ma la geoingegneria ha portata globale -, il rapporto mira a stabilire altre regole del gioco: che siano stabiliti sistemi di governo per la ricerca e la sperimentazione, su iniziativa degli Stati Uniti, ma che sarebbero internazionali invitando altri paesi a discutere (a discrezione), per realizzare un campione indicativo di differenti regioni. Compresi anche gli attori privati ​​che hanno interessi nella geoingegneria.

Questa proposta è un tentativo di sabotare le decisioni multilaterali e per consenso di tutti i paesi, ed è così che, ad esempio, funziona la CBD. Nel caso della geoingegneria, la decisione consensuale di tutti è un requisito minimo, poiché ci saranno necessariamente paesi che ne sarebbero influenzati negativamente.

Åsa Larsson Blind, del Consiglio Saami in Svezia, ha dichiarato: “La geoingegneria solare è totalmente contraria alla visione del mondo del popolo Saami e va contro ciò che dobbiamo fare: trasformare il pianeta in società senza emissioni di carbonio e in armonia con la natura. Questo rapporto [dell’Accademia degli Stati Uniti] propone di far avanzare una tecnologia che comporta pericoli esistenziali, con la falsa argomentazione che sarebbe un piano B per il cambiamento climatico. Se i governi non sono in grado di gestire la crisi climatica con soluzioni reali ora, ancor meno saranno in grado di gestire gli enormi rischi e le ingiustizie della geoingegneria”.
È importante sostenere questa lotta che ci riguarda tutti.

di Silvia Ribeiro (ricercatrice presso ETC Group), da un articolo de “La Jornada” del 27/03/2021

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Nord America, Opinioni
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.