Campagna #EUROPEDAY #NOFRONTEX Europei, da popolo di profughi e rifugiati a popolo di persecutori

08.05.2021 - Redazione Italia

Campagna #EUROPEDAY #NOFRONTEX  Europei, da popolo di profughi e rifugiati a popolo di persecutori

Il 9 Maggio si festeggia l’Europa, la sua nascita e i suoi valori.

Quei valori di pace e cooperazione che hanno sancito mai più guerre e orrori tra i popoli che uscivano distrutti e affamati dalla Seconda Guerra mondiale ma dialogo e solidarietà.

Valori che ci hanno portato ad essere da profughi e rifugiati a cittadine e cittadini liberi di muoverci, di prosperare e costruire un futuro migliore per le successive generazioni.

Oggi un popolo di persecutori.

Dal 2004 L’Europa ha un corpo di polizia creato ad hoc per controllare e gestire le frontiere esterne dello spazio Schengen: l’Agenzia FRONTEX.

Ogni giorno centinaia di rifugiati sono respinti o muoiono alle frontiere: il Mediterraneo è diventato la fossa comune per migliaia di migranti lasciati alla deriva dai trafficanti, nel “mare nostro” naufragi e respingimenti in Libia sono all’ordine del giorno; sulla rotta balcanica le testimonianze di morti e violenze di polizia non si contano più; a Ceuta a Melilla, tra Marocco e Spagna, si continuano a respingere centinaia di uomini, donne e bambini. Sulla rotta atlantica verso le Canarie negli ultimi 16 mesi sono morte più di 2.000 persone.

Tutto sotto le potenti lenti dei cannocchiali, degli elicotteri e dei droni di Frontex, presente anche nei voli di rimpatrio di centinaia di persone che non sono mai riuscite a fare richiesta di asilo. Respingimenti di massa e deportazioni, militarizzazione dei confini, stigmatizzazione dei rifugiati come nemici da cui difendersi: sono questi oggi i valori che uniscono i cittadini europei?

A quanto pare sì: da un budget iniziale di 2,1 milioni di euro fornito dall’Unione Europea per controllare le frontiere, siamo passati a 6,3 milioni di euro nel 2005 a 333 milioni nel 2019, a 1,1 miliardi quest’anno fino a 1,9 miliardi nel 2025 (fonte Il sole 24 ore).

Quante vite potevano e potrebbero essere salvate con questi soldi?

Ma il senso del macabro che ormai salda i confini d’Europa non finisce qui.

Frontex, per festeggiare la fondazione della Comunità europea e “cogliere questa occasione per mostrare come le persone di tutta Europa lavorano insieme alle frontiere esterne dell’UE a vantaggio dei cittadini europei”, ha pensato bene di indire un concorso fotografico i cui vincitori saranno premiati proprio il 9 Maggio, festa dell’Europa.

Nelle linee guida del concorso si legge che “La competizione è aperta a chiunque partecipi ad un’operazione o attività di Frontex con foto inerenti a tre categorie: 1. Cooperazione con le autorità nazionali; 2. Paesaggi frontalieri; 3. Un aiuto alla frontiera”.

Così cinico da sembrare un falso e invece è tutto vero: https://www.facebook.com/frontex/posts/1091755091318658

Purtroppo, conosciamo bene la realtà di quel lavoro comune pagato con i soldi di cittadine e cittadini europei, spesso ignari: è una realtà fatta di donne e di uomini che vengono riportati nelle celle di tortura libica, che muoiono nei ghiacci delle montagne bosniache, bastonati dalla polizia e sbranati dai cani, che muoiono appesi sulle reti di Ceuta. Un orrore senza fine che si vuole edulcorare o peggio esaltare con un concorso fotografico.

E’ così che vogliamo festeggiare l’Europa?

Incoraggiando i civili a pattugliare i confini con le macchinette fotografiche (cooperazione con le autorità nazionali)? Facendo passare il dramma che si consuma alle frontiere come una gita di piacere (paesaggi frontalieri)? Sostituendo i valori di solidarietà e cooperazione tra i popoli con l’esaltazione di operazioni militari (un aiuto alla frontiera)?

Vogliamo che i popoli della comunità europea facciano cordone con tutte le persone migranti e dicano chiaramente a FRONTEX e alle Istituzioni che la finanziano: “Vogliamo un’Europa rispettosa dei diritti umani, solidale e aperta all’accoglienza!”

Il 9 maggio fai sentire la tua voce: tagga @Frontex su Twitter e Facebook, condividendo questo testo:

Siamo europei, siamo nipoti e pronipoti di profughi e rifugiati, rinneghiamo e denunciamo la violazione dei diritti umani che l’Europa infligge alle frontiere ai rifugiati di altri Paesi. NON VOGLIAMO ESSERE COMPLICI DI QUESTO ORRORE.

Condividi questa lettera aperta sul tuo blog o sul tuo sito, partecipa alla campagna #EUROPEDAY #NOFRONTEX sui social, manda una email a frontex@frontex.europa.eu

Primi Firmatari:

LasciateCIEntrare

Pensare Migrante

Rete Antirazzista Catanese

CarovaneMigranti

Melting Pot

Accoglienza ControVento

Ongi Etorri Errefuxiatuak

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa, Migranti
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.