Myanmar, gigante dell’acciaio sudcoreano taglia i ponti con i militari golpisti

16.04.2021 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Francese

Myanmar, gigante dell’acciaio sudcoreano taglia i ponti con i militari golpisti

Il 16 aprile il gigante dell’acciaio sudcoreano Posco ha annunciato che la sua controllata in Myanmar, Posco C&C, interromperà le relazioni con la Myanmar Economic Holding Ltd, il conglomerato industriale di stato di proprietà dei militari autori del sanguinoso colpo di stato del 1° febbraio, che sin qui ha provocato almeno 700 morti e 3.000 arresti.

L’annuncio è arrivato a seguito delle pressioni di Amnesty International e di altre organizzazioni per i diritti umani sui dirigenti, sugli azionisti e sugli investitori della compagnia sudcoreana. Un rapporto diffuso da Amnesty International nel settembre 2020 aveva accusato Posco di finanziare unità delle forze armate di Myanmar responsabili di crimini di diritto internazionale.

Categorie: Asia, Diritti Umani
Tags: , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.