Elefanti e deIfini per la riserva della (s)Favorita: cosa ha rischiato e cosa potrebbe ancora diventare

30.04.2021 - Giuseppe Barbera - Redazione Palermo

Elefanti e deIfini per la riserva della (s)Favorita: cosa ha rischiato e cosa potrebbe ancora diventare

I paesaggi sono in continua evoluzione tra la natura e la storia. In Sicilia solo l’Etna, costantemente rinnovando le sue lave, presenta paesaggi oggettivamente naturali. Altrove, pascoli e disboscamenti, coltivazioni e incendi, biodiversità cancellate o alterate, asfalto, cemento, suoli e acque contaminate formano quelli che, con noncuranza, chiamiamo paesaggi antropici e, con una certa impudenza, paesaggi naturali. Gli uni (se hanno mantenuto il valore di paesaggi culturali) e gli altri vanno però salvaguardati, gestiti, conservati, difesi. Lo ha ricordato una legge regionale (98\81) che dopo quarant’anni merita di essere celebrata: nata dopo la marcia degli ambientalisti per la salvezza dello Zingaro, alla quale si devono 4 parchi regionali e 77 riserve cui si sono aggiunte le aree della rete Natura 2000, il parco nazionale di Pantelleria e diversi siti minori.

Ogni territorio, per il peculiare incontro tra storia, natura e valori culturali, ha una sua specificità e le minacce e le difficoltà si differenziano e crescono anche in base agli interessi speculativi: voraci come erano (e sono ancora) quelli tra Castellammare e San Vito, silenti ma pur sempre in agguato, quelli per la Riserva di monte Pellegrino e della Favorita. Per la Favorita – compendio del paesaggio della Conca d’oro –  le norme della legge, il coraggio dei gestori hanno finora impedito danni irreparabili. Ma se per il monte è alle porte il piano di gestione forestale, tutto tace, al di là di velleitarie iniziative, per il parco. Non può essere altrimenti: se il piano di utilizzazione, redatto a norma di legge ormai venti anni fa, frena irresponsabili appetiti, l’assenza di un documento di indirizzo strategico che individui, attraverso un processo partecipativo, i soggetti, i finanziamenti, gli strumenti e le azioni necessarie impedisce ogni utile evoluzione. Non è compito di queste poche righe immaginare cosa ancora è oggi e cosa possa diventare la Favorita. Utile, invece, ricordare cosa ha rischiato e cosa potrebbe ancora diventare.

Correva il 1969 quando il Comune commissionò un progetto di massima che, a ripercorrerlo, evidenzia i pericoli corsi e una diversa coscienza culturale. Il modello dichiarato erano i parchi di divertimento del Prater di Vienna o di Disneyworld In Florida. Prevedeva (l’elenco lascia senza fiato) un lago centrale con isole e pontili. Sotto di esso un garage per 5000 auto a coprire un grande serbatoio. Al lago si arrivava navigando un “fiume magico” di 2 km. La viabilità era assicurata da strade di servizio e da una funivia che portava sul monte (e che rimane una buona idea) e da una monorotaia di 5,7 km che collegava uno zoo con arena per elefanti, acquario, delfinario a forma di antico teatro greco, voliera, serpentario, nove specchi d’acqua, e un parco faunistico per animali esotici in libertà. Non mancava una pista del ghiaccio in caverna, una tenda per circo, biblioteca, museo d’arte moderna e degli agrumi, spazio per orchestra all’aperto, teatro dei pupi, villaggio dei bambini e un eliporto. Avrebbe dato lavoro a 267 persone, tra amministrativi e tecnici. Pubblicato nel 1979, il progetto è stato subito abbandonato. Le sue vicende, che si raccontano tormentate, sono nei faldoni dell’Associazione e dell’Archivio Pietro Porcinai a Fiesole. La presenza di un così illustre paesaggista, in un comitato composto per lo più da potenti accademici e professionisti palermitani digiuni di paesaggismo, è uno dei misteri che varrebbe la pena di risolvere per ben raccontare la storia tormentata dei giardini palermitani.

foto di Margherita Bianca

Categorie: Diversità, Ecologia ed Ambiente, Educazione, Opinioni
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Racconti della Resistenza

Racconti della Resistenza

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.