Tuvalu firma il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari

14.10.2020 - New York - International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Francese, Tedesco, Greco

Tuvalu firma il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari

Il 13 ottobre 2020 Tuvalu, piccola isola stato dell’Oceano Pacifico,  ha ratificato il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN), diventando la 47a nazione al mondo a farlo. Ora sono necessarie solo altre tre ratifiche per far entrare in vigore questo trattato cruciale. Il trattato stabilirà un divieto totale delle peggiori armi di distruzione di massa e contribuirà a spianare la strada alla loro totale eliminazione.

All’inizio di questo mese, Tuvalu e altri 11 piccoli Stati insulari del Pacifico  hanno rilasciato una dichiarazione congiunta alle Nazioni Unite in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione totale delle armi nucleari. Hanno sottolineato come la loro regione abbia sofferto per decenni degli effetti dei test nucleari  di Stati Uniti, Regno Unito e Francia.

“Più di 300 test nucleari sono stati effettuati nel Pacifico dal 1946 al 1996 – nell’atmosfera, nel sottosuolo e sott’acqua. Le nostre comunità che vivevano vicino a Ground Zero sono state trasferite dalle loro isole ancestrali, non hanno potuto utilizzare le risorse oceaniche per il loro sostentamento e hanno dovuto affrontare un aumento dei problemi di salute correlati” si legge nel documento.

Le 12 nazioni si sono appellate a tutte le nazioni che non l’hanno ancora fatto affinché ratifichino il Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari, così come il Trattato si messa al bando totale degli esperimenti nucleari del 1996. “Noi piccoli Stati insulari  del Pacifico diciamo no alle armi nucleari e ribadiamo il nostro impegno per l’eliminazione delle armi nucleari ovunque”.

Tuvalu è la nona nazione insulare del Pacifico ad aver aderito finora al trattato di messa al bando delle armi nucleari, dopo Palau, Nuova Zelanda, Isole Cook, Samoa, Vanuatu, Kiribati, Fiji e Niue. Inoltre, Nauru ha firmato ma non ancora ratificato il trattato.

Tuvalu è stata tra le prime nazioni a firmare il trattato quando è stato aperto alla firma il 20 settembre 2017. In un discorso alle Nazioni Unite dopo la cerimonia della firma, ha detto: “È nostra fervida speranza che le armi nucleari e le altre armi di distruzione di massa… siano totalmente vietate e proibite in tutto il mondo dall’ONU”.

Nel 2016, Tuvalu ha copromosso la risoluzione dell’Assemblea Generale dell’ONU che ha stabilito il mandato formale per l’avvio dei negoziati da parte degli Stati nel 2017 su “uno strumento giuridicamente vincolante per proibire le armi nucleari, che porti alla loro totale eliminazione”.

All’inizio del 2016, Tuvalu, insieme a Fiji, Nauru, Palau e Samoa, ha presentato un documento  a un gruppo di lavoro dell’ONU a Ginevra, sostenendo che “il dibattito non dovrebbe più riguardare la necessità di un divieto globale delle armi nucleari, ma piuttosto come possiamo realizzarlo e quali disposizioni dovrebbe contenere”.

Traduzione dell’équipe traduttori di Pressenza

Categorie: Comunicati Stampa, Internazionale, Oceania, Pace e Disarmo
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.