75 anni fa gli Stati Uniti distrussero la cultura giapponese

14.08.2020 - USA - David Andersson

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese, Tedesco, Greco

75 anni fa gli Stati Uniti distrussero la cultura giapponese
Figure religiose rotte giacciono su una collina in una valle distrutta. Nagasaki, Giappone. 24 Settembre 1945, 6 settimane dopo che la città fu distrutta dal secondo attacco nucleare al mondo. (Immagine di Cpl. Lynn P. Walker, Jr. (Marine Corps) NARA FILE

Nello sganciare armi nucleari su Nagasaki, appena tre giorni dopo il bombardamento di Hiroshima, gli Stati Uniti erano perfettamente consapevoli del livello di distruzione e della portata del disastro umanitario: un istante dopo l’esplosione, l’estremità settentrionale della città era stata distrutta e 35.000 persone erano morte.

Qualcuno potrebbe pensare a una giustificazione politica e militare per Hiroshima, ma perché Nagasaki? Perché lanciare una seconda bomba nucleare tre giorni dopo? Potremmo anche chiederci perché i cittadini nippo-americani siano stati internati in campi di concentramento americani durante la guerra, nel loro paese, dal loro stesso governo.

L’unica vera spiegazione sensata è che gli Stati Uniti volevano assicurarsi che i giapponesi rimanessero per sempre una sottocultura dell’Occidente bianco. Se chiedessimo ai giapponesi il motivo per cui furono bombardati, risponderebbero che è accaduto perché erano “non bianchi” e ribatterebbero: “pensate che gli Stati Uniti avrebbero utilizzato armi nucleari contro la Germania Nazista?”.

L’America ha ottenuto in pochi minuti quello che i paesi europei che hanno colonizzato Africa e Sud America hanno ottenuto in 400 anni. Oggi, il Giappone è un’estensione territoriale degli Stati Uniti: infatti, accoglie molte basi militari americane e ricopre un ruolo chiave nel loro gioco geopolitico in Asia. Il museo memoriale del Genocidio armeno definisce genocidio culturale quelle “azioni e misure prese per distruggere la cultura delle nazioni o dei gruppi etnici attraverso una distruzione spirituale, nazionale e culturale”. Il 9 agosto fu un genocidio culturale durato cinque secondi.

Ogni evento importante che si verifica nel mondo odierno ha un profondo aspetto culturale e dobbiamo esaminarlo più da vicino. La tensione statunitense con la Cina, la Brexit, l’elezione di Donald Trump, il movimento Black Lives Matter, il colpo di Stato in Bolivia contro Evo Morales… tutto questo, e molte altre cose ancora, sono manifestazioni delle forze bianche-occidentali in azione. Tali questioni non possono essere giustificate in termini economici, dobbiamo riconoscere che, al di sotto, vi sia la lotta primitiva per la dominazione culturale bianca.

Traduzione dall’inglese di Francesca Vanessa Ranieri. Revisione di Maria Fiorella Suozzo

Categorie: Diritti Umani, Internazionale, Nord America, Opinioni, Questioni internazionali
Tags: , , , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.