Lotta alle nuove povertà: il progetto “Nessuno escluso. Neanche chi è ora in difficoltà” di Emergency

29.06.2020 - Alessandra Montesanto

Lotta alle nuove povertà: il progetto “Nessuno escluso. Neanche chi è ora in difficoltà” di Emergency

Per i prossimi sei mesi della fase 2, in via sperimentale, Emergency lancia un progetto concreto per combattere le nuove povertà. Si tratta di “Nessuno escluso. Neanche chi è ora in difficoltà”, destinato a circa 4mila nuclei familiari in difficoltà economica, tra Milano e Roma, ma dedicato anche a anziani soli, giovani precari, lavoratori di settore penalizzati gravemente dalla crisi. Ogni persona o gruppo in difficoltà potrà ricevere un pacco alimentare contenente latte, olio, pomodoro, pasta e detersivi. Insomma: cibo e beni di prima necessità per l’igiene personale e della propria abitazione. Sono inoltre previste confezioni di prodotti adatti ai bambini, agli anziani, ai celiaci e a persone con necessità specifiche.

Questo nuovo progetto si inserisce in uno più ampio, già attivo da tempo, che si chiama solamente “Nessuno escluso” ed è nato perché, come afferma Rossella Miccio, presidente di Emergency: “… Siamo di fronte ad un’emergenza sociale senza precedenti, che ha reso vulnerabile una nuova categoria di persone, fino ad oggi fuori dai radar dell’aiuto tradizionale e istituzionale. Abbiamo quindi deciso di promuovere un nuovo intervento che va oltre il nostro ambito sanitario per aiutare queste persone a far fronte ai propri bisogni in maniera dignitosa, diffondendo un messaggio di solidarietà”.

I volontari si muoveranno in coppia, si identificheranno con un badge e prenderanno tutte le misure necessarie per evitare qualsiasi contagio per loro e per le persone assistite. A Milano, grazie alla collaborazione con le Brigate Volontarie per l’emergenza Covid-19, il progetto è in atto dalla metà di maggio e sono già stati consegnati migliaia di pasti e spese alimentari, oltre a 100mila mascherine del Comune.

“Durante la Fase 1, Emergency aveva già organizzato in alcune città una rete di consegna di beni di prima necessità a persone in quarantena, malate e agli over 65 e aveva individuato una serie di famiglie per cui l’epidemia non ha rappresentato solo un rischio o un danno alla salute, ma soprattutto un colpo alle proprie capacità di sopravvivenza…” aggiunge Marco, responsabile del servizio nel capoluogo lombardo.

Per avere maggiori informazioni su queste attività a Milano, o per segnalare persone che hanno necessità si può telefonare al numero: 02-86.31.68.90

 

 

 

 

 

 

Categorie: Diritti Umani, Europa, Salute
Tags: , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.