Stati Uniti: il creatore di Twitter dona 5 milioni di dollari per sperimentare il reddito di base

30.05.2020 - Sandro Gobetti

Quest'articolo è disponibile anche in: Greco

Stati Uniti: il creatore di Twitter dona 5 milioni di dollari per sperimentare il reddito di base
Jack Dorsey noto per essere il creatore di Twitter dona ad Andrew Yang, uno degli ex candidati alle presidenziali americane, 5 milioni di dollari per realizzare dei progetti pilota del reddito di base universale e incondizionato. Dorsey, durante la corsa alle presidenziali americane dei Dem, aveva sostenuto con forza la candidatura di Andrew Yang, imprenditore e candidato alla guida degli Stati Uniti. Andrew Yang è noto proprio perchè uno dei suoi punti più importanti del programma elettorale era l’introduzione in USA del “Freedom Dividend” un reddito di base incondizionato di 1000 dollari da destinare a tutti i cittadini americani adulit. Ora il fondatore e creatore di Twitter ha donato 5 milioni di dollari a Yang dichiarando che questo denaro deve essere utilizzato per dare avvio ad ulteriori sperimentazioni di un reddito di base incondizionato negli Stati Uniti.

Dorsey, ha annunciato la donazione a sette cifre sull’ultimo episodio del podcast di Yang,  “Yang Speaks”  dichiarando inoltre che un reddito di base è una di quelle proposte “attesa da tempo” e che “l’unico modo in cui possiamo cambiare la politica è sperimentando e mostrando casi studio del perché questa proposta funziona”.

Yang afferma che Humanity Forward intende distribuire immediatamente il contributo di Dorsey sotto forma di piccoli sussidi in denaro di 250 dollari a 20.000 persone che hanno perso il lavoro o hanno subito una disagio economico a causa della pandemia di Covid-19. L’organizzazione di Yang ha già distribuito quasi 2 milioni di dollari in  reddito di base per aiutare alcune comunità a riprendersi dalla pandemia di coronavirus. “Non solo la donazione di Jack avrà un impatto diretto su decine di migliaia di persone bisognose durante l’attuale crisi economica, ma aiuterà il nostro movimento a sostenere un reddito di base incondizionato negli Stati Uniti”, ha detto Yang. “Sappiamo che il reddito di base destinato ad ogni cittadino americano è possibile, e questi 5 milioni di dollari contribuiranno a dimostrare che è possibile per le famiglie in tutto il paese.”

Come candidato alla presidenza, Yang aveva proposto un reddito di base incondizionato  – definito un “Dividendo per la libertà” – che è divenuto il punto principale della sua campagna elettorale. Ha detto agli elettori che gli Stati Uniti erano “al terzo inning della più grande trasformazione economica e tecnologica nella storia del paese” con progressi nell’automazione e nell’intelligenza artificiale pronti a rimodellare radicalmente l’economia globale. “Se hai a che fare con un cambiamento economico così storico, allora devi portare soluzioni reali che possano aiutare le persone a gestire la transizione”, dichiarò a  Rolling Stone  nel 2019. “E il modo più efficiente per farlo è un reddito di base universale. “

Il messaggio di Yang e il suo approccio come candidato lo hanno portato ad avere un fervente seguito tra i giovani ed online e raccogliere decine di milioni di dollari per la sua campagna alle presidenziali. La sua visione incentrata sulla tecnologia ha avuto l’appoggio di Dorsey, del presidente di Y Combination Sam Altman e di Elon Musk di Tesla, solo per citarne alcuni. Yang è uscito dalla corsa alle presidenziali dopo le primarie in Iowa e nel New Hampshire ma ha il suo seguito e le iniziative in sostegno al reddito di base hanno dato vita all’organizzazione Humanity Forward, un ente no profit, in cui ha destinato buona parte del denaro ricavato dalla campagna elettorale destinandolo al sostegno per il reddito di base.

Mentre la pandemia di Covid-19 ha fermato l’economia americana e colpito duramente oltre 30 milioni di persone senza lavoro, Yang improvvisamente non è stato più l’unico a sostenere l’idea del reddito di base. I legislatori democratici e repubblicani, dalla rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez (DN.Y.) al senatore Mitt Romney (R-Utah), si sono pronunciati a favore di pagamenti diretti in contanti per attutire il colpo causato dal coronavirus. Yang si è consultato con i politici a Washington e la sua idea si è fatta strada nel CARES Act, uno dei progetti di legge contro la pandemia, sotto forma di un pagamento di 1.200 dollari per gli americani a medio e basso reddito. “Non hai altra scelta che prendere misure drastiche per aiutare a sostenere la domanda e mantenere le famiglie americane sopra la linea di galleggiamento, e non c’è modo realistico per farlo se non mettendo denaro contante nelle mani di tutti il ​​più velocemente possibile”, ha detto a  Rolling Stone  all’inizio di quest’anno.

Nell’intervista podcast di “Yang Speaks”, Jack Dorsey attribuisce a Yang il merito di aver portato quella che una volta era un’idea sconosciuta come il reddito di base, ad un pubblico mainstream. Dorsey dice a Yang che “è solo una tragedia” che gran parte dei fondi di soccorso del coronavirus stanziati da Washington siano andati alle “banche e le società più grandi quando potrebbe essere dati nelle mani delle persone in questo paese”. Mentre gli sforzi dell’amministrazione Trump hanno incluso pagamenti diretti in contanti e ampliato i sussidi di disoccupazione, le piccole e medie imprese  hanno lottato per garantire il sostegno finanziario attraverso il programma di protezione dell’amministrazione Trump. Centinaia di società quotate in borsa hanno ricevuto miliardi di dollari attraverso il PPP e la Federal Reserve è venuta in soccorso di grandi aziende con prestiti diretti e tassi di interesse ridotti.

Dorsey afferma di vedere il reddito di base incondizionato ed universale non solo come un modo per aiutare le persone che hanno perso il loro reddito durante la pandemia, ma anche come una sorta di rete di protezione in un’economia in rapido cambiamento. “Ogni singolo campo verrà toccato dall’automazione e il reddito di base per me rappresenta un piano”, afferma Dorsey. “Una base,  su cui le persone possono stare in piedi e avere la consapevolezza e la tranquillità di poter sopravvivere, mangiare e nutrire i propri figli mentre si passerà a questo nuovo mondo.”

In qualità di CEO di Square, la piattaforma di pagamento online ed e-commerce utilizzata da milioni di piccole imprese, Dorsey afferma che i cambiamenti tecnologici in atto prima della pandemia si sono accelerati a seguito di questa crisi. “Non esiste una persona che guida questa trasformazione dell’automazione e non c’è una persona che può fermarla”, afferma. “Ecco perché dobbiamo guardarci dentro e assicurarci di prenderci cura di tutti, specialmente dei nostri concittadini più vulnerabili quando si verificherà questa trasformazione. Le persone hanno bisogno di una tranquillità economica per affrontarla. Le aziende, ad esempio, hanno smesso di usare cassieri umani e sono passati a modelli di pagamento solo online. Questa crisi, questa pandemia sta accelerando il cambiamento tecnologico che ci aspettavamo”, afferma. “Ho detto che vedremo 10 anni di progressi e cambiamenti in 10 settimane.”

Dorsey afferma di aver deciso di supportare il gruppo di Yang, Humanity Forward, per contribuire a stimolare un più ampio piano di progetti pilota sperimentali sugli effetti di un reddito di base negli Stati Uniti  “Se i piccoli passi che stiamo compiendo oggi si combinano in esperimenti più ampi che informano quanto sia importante questa proposta del reddito di base, sarebbe fantastico. E più possiamo fare in questa direzione, meglio è. ”

Fonte

Basic Income Today

BIN Italia

Categorie: Diritti Umani, Economia, Politica, Scienza e Tecnologia
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.