La quarantena infinita del Wuhan Zall

08.03.2020 - Silvia Nocera

La quarantena infinita del Wuhan Zall

“Non è facile per noi. Ci mancano molto le nostre famiglie e siamo sempre in contatto con loro, che stanno attraversando enormi difficoltà, ma abbiamo molta perseveranza per affrontare tutto questo e tornare alla normalità. Vi dico che sconfiggeremo questa malattia, sconfiggeremo questa epidemia e realizzeremo il nostro sogno di giocare di nuovo a Wuhan molto presto”. Questa è la dichiarazione di Yao Hao Lin, capitano della squadra di calcio Wuhan Zall, a Madrid alla fine di febbraio. L’incredibile storia della squadra partita dalla ormai famosa città cinese il 2 gennaio scorso, che ancora non sa quando potrà riabbracciare le proprie famiglie, è raccontata il 6 marzo sul quotidiano argentino Clarin.

Scrive Hector Gambini che il gruppo di sportivi è partito all’inizio di gennaio da Wuhan in cerca di un clima meno rigido per iniziare gli allenamenti in vista del successivo campionato, inizialmente al sud della Cina e poi a Malaga, dove erano previsti anche degli incontri amichevoli con squadre europee.

Dopo la prima parte della preparazione a Guangzhou, proprio quando la squadra si accingeva a tornare a Wuhan per una pausa di una settimana, per festeggiare la festa della Primavera, l’autorità cinese ha decretato la chiusura della città: nessuno esce, nessuno entra. Ai giocatori non è rimasta altra scelta che continuare il programma di preparazione atletica viaggiando verso la meta europea, ovviamente dopo un check-up medico che li ha diagnosticati tutti negativi.

Nonostante ciò a Malaga le squadre che avevano previsto di giocare amichevolmente con il Wuhan Zall, una dopo l’altra, hanno declinato l’appuntamento con le scuse più inverosimili. Nonostante i ripetuti test che continuano a dimostrarsi negativi, i giovani giocatori cinesi sono rimasti confinati in un allenamento senza fine e senza prospettive, con l’eccezione di una partita con la selezione senior di una squadra andalusa. Una sorta di allenamento eterno e crudele: essere pronti a giocare con nessuno e non tornare mai più a casa. Alcuni di loro hanno figli a Wuhan, che non vedono ormai da due mesi, molti hanno parenti infettati dal virus, uno ha perso la nonna, un altro riceve la notizia di un parente guarito.

Un mese dopo, a Madrid, inviatati dalla Lega spagnola, ricevono in regalo 5 milioni di litri di disinfettante (presi in carico dal responsabile commerciale dell’Ambasciata cinese) e biglietti per andare a vedere il “Clasico”, la sfida tra il Real Madrid e il Barcellona.

Questa epidemia continua a regalarci pagine di storia degne di un film di Bunuel.

https://www.clarin.com/deportes/increible-historia-wuhan-equipo-ciudad-coronavirus-deambula-mundo-puede-volver-casa_0_8ygsfDFF.html

 

https://www.ilmessaggero.it/mondo/coronavirus_spagna_squadra_calcio_wuhan_partita_malaga_ultime_notizie_oggi_29_gennaio_2020-5015729.html

 

https://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcioestero/coronavirus-il-wuhan-zall-al-bernabeu-per-real-madrid-barcellona_15574441-202002a.shtml

 

https://abcnews.go.com/Sports/wireStory/stuck-spain-wuhan-soccer-team-watch-madrid-bara-69303079

Categorie: Asia, Diritti Umani, Europa
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.