Appello e manifesto ‘#Integrandosu2Binari’ al mondo politico e istituzionale italiano

15.01.2020 - AMSI Associazione di Medici di Origine Straniera in Italia

Appello e manifesto ‘#Integrandosu2Binari’ al mondo politico e istituzionale italiano

Il Movimento Internazionale transculturale interprofessionale Uniti per Unirez, insieme a tutti gli organismi e le comunità della nostra rete, all’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi ), alle Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e all’Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM), rinnova l’impegno che da anni viene portato avanti a favore della politica dell’integrazione che tiene insieme sicurezza, sanità, immigrazione programmata, istruzione, dialogo e cooperazione internazionale, utilizzando sempre la politica dei due binari di criticità e proposte, collaborando con tutti senza distinzione nè pregiudizi.

Tuttavia dobbiamo rilevare che non sempre riceviamo riscontri costruttivi e ascolto per i nostri gridi d’allarme e di sofferenza che arrivano dalle società civili, dai professionisti della sanità e dai cittadini  stranieri, che combattono tutti i giorni per sopravvivere in un mondo trasformato in una giungla senza pietà nè solidarietà, nella quale chi è più forte mangia il più debole.

Basta ricordare che negli ultimi 4 anni sono aumentati del 35% gli episodi di discriminazione, razzismo e pregiudizio nei confronti della diversità e del velo portato dalle donne. 5.000 professionisti della sanità di origine straniera, negli ultimi 2 anni, hanno lasciato l’Italia. Tra questi dottoresse che portano il velo, medici che non possono sostenere concorsi per mancanza della cittadinanza e medici che rifiutano il sotto pagamento (fino a 7 euro all’ora) nelle cliniche private. Purtroppo ormai nel contesto italiano non si è più tutelati, per cui il 65% dei professionisti della sanità è sottopagato e il 40% subisce il ricatto dei datori di lavoro.

Le violenze contro le donne straniere sono aumentate del 25%, così come sono aumentate del 35% le aggressioni ai cittadini stranieri e dell’80% ai professionisti di origine straniera, che non denunciano per paura di non essere creduti e tutelati.

Anche questo induce al fatto che il 35% delle circoncisioni viene effettuato ancora in modo clandestino mentre, grazie alla buona informazione, sono aumentate del 40% le richieste all’Amsi di effettuare le circoncisioni in strutture autorizzate.

Questa è la situazione di oggi denunciata dal Fondatore del Movimento Uniti per Unire e Amsi e membro del registro esperti Fnomceo, Foad Aodi, che vuole insistere, con il nuovo manifesto #Integrandosu2Binari, a sollecitare l’adozione di una politica dell’integrazione adeguata al momento che l’Italia sta passando.


#Integrandosu2Binari

– Difendere il principio dei diritti e doveri e combattere la fuga dei cervelli con leggi concrete e non con promesse mai realizzate, come lo Ius Soli, tramite una nuova legge d’immigrazione italiana e  europea modificando i Decreti sicurezza.

– No a partiti personalistici o solo per migranti che dividono e non aggregano perchè partono già non inclusivi.

– Coinvolgere tutti i cittadini sia italiani che di origine straniera senza strumentalizzare le storie, il colore della pelle, le religioni di questi ultimi.

– Promuovere iniziative costruttive a favore del dialogo, della conoscenza reciproca e delle politiche di vera integrazione, garantendo la sicurezza di tutti.

– Risolvere le problematiche dei servizi pubblici che spingono le persone verso pratiche “fai da te” senza controllo né autorizzazione.

– Sostenere iniziative a favore della cooperazione internazionale tra Paesi e civiltà per combattere l’immigrazione irregolare e lo sfruttamento di esseri umani.

– No allo sfruttamento lavorativo, alla discriminazione e al razzismo nei confronti dei professionisti e dei cittadini stranieri.

– Stimolare TV, giornali e l’informazione sugli stranieri e sulle seconde generazioni a valorizzare le buone pratiche e le esperienze positive, senza continuare a parlare e ad abbinare l’immigrazione solo alla sicurezza e alla delinquenza.

– Promuovere presso la cittadinanza immigrata il rispetto e lo studio della legge, della cultura, della religione e della lingua del paese che la sta ospitando e sostenere l’impegno alla corretta integrazione, perché l’integrazione si fa in due.

– Abbattere i muri mentali, il sentimento d’odio e le fobie contro la diversità, contrastando così anche il vittimismo e l’intolleranza al contrario .

 

Categorie: Comunicati Stampa, Diversità, Europa
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.