Migranti, Civati: Mobilitazione continua finché non chiudono centri libici

03.11.2019 - Possibile

Migranti, Civati: Mobilitazione continua finché non chiudono centri libici
Due rifugiate nigeriane che si abbracciano in un centro di detenzione a Surman in Libia (Foto di Archivio Pressenza)

“L’annuncio di una commissione è una risposta tardiva e insufficiente alla mobilitazione di migliaia di persone che hanno chiesto lo #StopAccordiConLaLibia. Continueremo a chiederlo finché non saranno chiusi i centri di detenzione in Libia, dove le persone vengono private della libertà, seviziate, torturate, stuprate”. Lo dichiara Giuseppe Civati, fondatore di Possibile e autore di ‘Voi sapete’ il saggio che ha denunciato due anni fa le violenze nei centri di detenzione libici.

“La mobilitazione – aggiunge Civati – non si fermerà fino a quando la Repubblica italiana non smetterà di fare affari con i trafficanti di uomini. È una vergogna che non possiamo accettare. E non c’è commissione che tenga, in questo caso”.

 

Categorie: Africa, Comunicati Stampa, Europa, Migranti
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 08.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.