Ecuador: suoni e gesti nonviolenti, si chiude così il decimo giorno di proteste

14.10.2019 - Quito - Nelsy Lizarazo

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo, Francese, Greco

Ecuador: suoni e gesti nonviolenti, si chiude così il decimo giorno di proteste
Studenti di medicina in catena umana (Foto di Facebook)

Una volta dichiarato il coprifuoco dalle 15.00 a Quito, capitale dell’Ecuador, l’azione delle forze di sicurezza si è mantenuta vigorosa fino alla fine del pomeriggio, soprattutto nelle vicinanze della Casa della Cultura Ecuadoriana. Auto militari e forze di polizia si sono dispiegate in tutta la città. A un certo punto si è temuto di vederli entrare nell’Agorà della Casa della Cultura Ecuadoriana ed espellere violentemente le popolazioni indigene che avevano deciso di restarvi e di non spostarsi verso le tre zone di pace che sono in funzione dall’inizio di questa situazione nelle università vicine. Fortunatamente non è successo e alle 21:59, anche se fuori dall’agorà c’era la forza pubblica, la situazione era tranquilla.

Motociclette e gruppi della polizia circolavano intorno alle università e si diffondevano voci secondo cui erano entrati nell’Università Cattolica e l’avevano sgomberata. Si sono uniti agli studenti di medicina, che hanno lavorato giorno per giorno per rispondere a questa situazione: hanno circondato la loro università e gridando “zona di pace”, sono riusciti a far ritirare la forza pubblica.

Testo del tweet:

Chiediamo che le zone di pace siano rispettate e denunciamo la repressione statale senza freni che viola i diritti umani!

Alle 8:30, una Quito silenziosa si è svegliata rispondendo all’appello per il “cacerolazo” (protesta in cui si marcia facendo suonare le pentole NdT) organizzato qualche ora prima dai movimenti femministi e da altre organizzazioni di cittadini attraverso i social network.

A notte inoltrata, e al suono di pentole e padelle in tutti i punti della città e delle valli che la circondano, gli abitanti di Quito hanno deciso di uscire per le strade (nonostante il coprifuoco) per camminare nei loro quartieri; inoltre, un gruppo di persone è arrivato davanti alla Pontificia Universidad Católica del Ecuador – PUCE.

Così, con le loro pentole e padelle, in tutta la città si sono sentite le grida che chiedono la fine della repressione e della violenza e persino lo slogan Fuori Moreno Fuori.

Testo del tweet:

Il popolo ha occupato #La Floresta e ha alzato la sua voce protestando con il #Cacerolazo. Grazie #Quito.

Altre voci e altre forme, tutte nonviolente, si fanno sentire nella capitale dell’Ecuador.

Nota finale: pochi minuti fa, sulla televisione nazionale, il Presidente Moreno ha annunciato che il decreto 883 è in fase di revisione per far avanzare il dialogo con il movimento dei popoli originari e le organizzazioni sociali che si sono aperte a questo processo, che il coprifuoco e la militarizzazione della città saranno mantenuti fino a quando non cambieranno le condizioni e ha accusato ancora una volta Correa e Maduro, in alleanza con il narcoterrorismo e le bande, di aver generato il caos che il paese ha vissuto. Il governo lo ha affermato fin dall’inizio, ma senza fornire alcuna prova al riguardo.

Traduzione dallo spagnolo di Silvia Nocera

 

 

Categorie: Nonviolenza, Politica, Popoli originari, Sud America
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 07.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.