Greta Thunberg: “Il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”

22.09.2019 - Amy Goodman

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo

Greta Thunberg: “Il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”
(Foto di David Andersson)

L’attivista climatica svedese Greta Thunberg, sedici anni, ha dato vita a un movimento globale con il suo “sciopero scolastico per il clima”. L’anno scorso ha iniziato a saltare la scuola il venerdì stando davanti al parlamento svedese e chiedendo un’azione per il clima. Da allora ha ispirato milioni di persone in tutto il mondo a unirsi a lei. Gli ultimi due venerdì di questo mese, il 20 e il 27 settembre, dovrebbero vedere alcune delle più grandi proteste globali della storia. Questi due giorni di sciopero cadono prima e dopo il Summit delle Nazioni Unite sull’Azione per il Clima di lunedì 23 settembre.

Organizzato durante la riunione annuale dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che porta a New York  leader da tutto il mondo, il Climate Action Summit mira a “innescare la trasformazione di cui c’è urgente bisogno e a promuovere un’azione che vada a beneficio di tutti”. Questa settimana il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha così descritto l’urgenza del momento: “Luglio è stato il mese più caldo mai registrato. Questi cinque anni saranno i cinque anni più caldi mai registrati. Vediamo l’innalzamento del livello dell’oceano, le più alte concentrazioni di CO2 nell’atmosfera ….. stiamo davvero affrontando una minaccia molto drammatica, non solo per il futuro del pianeta, ma anche per il suo presente”.

Greta è arrivata a New York City il 28 agosto dopo due settimane di viaggio a bordo di una barca a vela ad alta velocità e a emissioni zero. Da allora ha partecipato agli scioperi del venerdì alle Nazioni Unite e davanti alla Casa Bianca, ha rilasciato decine di interviste e si è impegnata con attivisti di base, politici e altri per chiedere un’azione urgente. Lunedì sera, in riconoscimento del suo lavoro di collegamento tra l’emergenza climatica e i diritti umani, Amnesty International le ha consegnato il Premio Ambasciatore di coscienza 2019.

Parlando con i membri della Climate Change Task Force del Senato a Washington, D.C., martedì, Greta ha detto: “Non invitateci qui per dirci quanto siamo ispiratori senza fare nulla al riguardo….. so che ci state provando, ma non abbastanza duramente. Spiacente.”

L’accordo di Parigi sul clima, firmato da quasi ogni nazione nel 2015, avrebbe dovuto accelerare la transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili. Il presidente Donald Trump ha annunciato la sua intenzione di ritirare gli Stati Uniti dall’accordo il 1° giugno 2017 – senza notare che la prima data in cui gli Stati Uniti potrebbero andarsene sarebbe stata novembre 2020. Questo è il motivo per cui l’amministrazione Trump ha inviato funzionari di basso livello ai Summit annuali delle Nazioni Unite sul clima, dove passano il loro tempo a promuovere il carbone e altri combustibili fossili e a evitare le domande della stampa.

Nonostante l’accordo di Parigi, il pianeta nel suo complesso continua a bruciare più combustibili fossili. In un rapporto pubblicato poco più di una settimana fa, la U.S. Energy Information Administration ha previsto che nel 2019il consumo globale di petrolio per la prima volta in assoluto avrebbe superato i 100 milioni di barili al giorno. L’Agenzia Internazionale per l’Energia ha recentemente dichiarato: “Nonostante le legittime preoccupazioni circa l’inquinamento atmosferico e le emissioni di gas serra, l’uso del carbone continuerà a essere significativo in futuro”, aggiungendo che il carbone comprende “il 27% di tutta l’energia utilizzata a livello mondiale e …. il 38% della produzione di elettricità”.

La rapida transizione dai combustibili fossili a un’economia energetica completamente rinnovabile richiederà uno sforzo globale e cooperativo senza precedenti nella storia. Diverse versioni di questa trasformazione necessaria per gli Stati Uniti sono state articolate, in primo luogo nel disegno di legge Green New Deal proposto dai democratici Alexandria Ocasio-Cortez ed Ed Markey. Bernie Sanders ha presentato un piano da 16,3 trilioni di dollari in grado di creare 20 milioni di posti di lavoro e di ripagarsi da solo entro 15 anni. Il suo piano promuove anche la giustizia ambientale “in un movimento veramente inclusivo che dà la priorità ai giovani, ai lavoratori, alle popolazioni indigene, alle comunità di colore e ad altri gruppi storicamente emarginati”.

Le parole di Greta Thunberg al Summit delle Nazioni Unite sul clima dello scorso dicembre a Katowice, in Polonia, sono più attuali che mai. La riunione ministeriale di due settimane era quasi terminata e il programma della plenaria era in ritardo. A quasi mezzanotte, Greta, allora quindicenne, pronunciò un breve e potente discorso che scosse la sala e risuonò rapidamente in tutto il mondo: “Non siamo venuti qui per implorare i leader mondiali di preoccuparsi. Ci avete ignorato in passato e ci ignorerete di nuovo. Abbiamo esaurito le scuse e il tempo a disposizione sta per scadere. Siamo venuti qui per farvi sapere che il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no. Il vero potere appartiene al popolo”.

Martedì scorso, dopo proteste sostenute per diversi anni, l’Università della California ha annunciato l’intenzione di ritirare i suoi 84 miliardi di dollari di fondi pensione e di dotazione da tutti gli investimenti nei combustibili fossili.

Le tempeste che colpiscono le nazioni insulari dalle Bahamas alle Filippine e le comunità costiere dalla Florida a Terranova si stanno verificando con maggiore frequenza e forza. In risposta, sta divampando un movimento globale di attivisti del clima in rapida crescita, guidato dai giovani.

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Nord America, Opinioni
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.