“Piuttosto che tornare in Libia preferirebbero annegare”

“Piuttosto che tornare in Libia preferirebbero annegare”: così Barbara Held, attivista dell’ong Sea Eye, sui 40 migranti soccorsi ieri nel Mediterraneo, ora a bordo della Alan Kurdi, la nave dell’ong tedesca.

Secondo le informazioni disponibili, diffuse dall’organizzazione attraverso i propri canali social, l’operazione di salvataggio è stata condotta nell’area Search & Rescue (Sar) libica. La Guardia costiera di Tripoli ha indicato come porto di sbarco quello della capitale, ma Sea Eye ha respinto l’offerta. “Obbediremo al diritto internazionale e non riporteremo nessuno in un paese in guerra” la posizione dell’ong. “La Libia non è un porto sicuro”. Via e-mail Sea Eye avrebbe anche ricevuto notifica del divieto di ingresso in acque italiane, sulla base delle norme del Decreto sicurezza bis.

L’articolo originale può essere letto qui