Alan Kurdi, Sea Eye: “Soccorsi in 40, non li riporteremo in Libia”

01.08.2019 - Vincenzo Giardina - Agenzia DIRE

Alan Kurdi, Sea Eye: “Soccorsi in 40, non li riporteremo in Libia”
(Foto di agenzia Dire)

“Piuttosto che tornare in Libia preferirebbero annegare”

“Piuttosto che tornare in Libia preferirebbero annegare”: così Barbara Held, attivista dell’ong Sea Eye, sui 40 migranti soccorsi ieri nel Mediterraneo, ora a bordo della Alan Kurdi, la nave dell’ong tedesca.

Secondo le informazioni disponibili, diffuse dall’organizzazione attraverso i propri canali social, l’operazione di salvataggio è stata condotta nell’area Search & Rescue (Sar) libica. La Guardia costiera di Tripoli ha indicato come porto di sbarco quello della capitale, ma Sea Eye ha respinto l’offerta. “Obbediremo al diritto internazionale e non riporteremo nessuno in un paese in guerra” la posizione dell’ong. “La Libia non è un porto sicuro”. Via e-mail Sea Eye avrebbe anche ricevuto notifica del divieto di ingresso in acque italiane, sulla base delle norme del Decreto sicurezza bis.

Categorie: Africa, Europa, Migranti
Tags: , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.12.19

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.