L’azienda di Cristiano Chiesa-Bini

06.06.2019 - Giorgio Mancuso

L’azienda di Cristiano Chiesa-Bini
Presentazione de L'Azienda a Torino (Foto di Daniela Brina)

Nella sua ultima fatica letteraria, Cristiano Chiesa-Bini si sposta dal genere filosofico-autobiografico di “… è una bella domanda”, suo primo libro, al romanzo fantascientifico: il risultato è un libro piacevole e scorrevole che ha il solo difetto di finire troppo presto.

La storia si dipana in un futuro non troppo lontano, gli anni Cinquanta di questo secolo e seguendo le vicende della sua protagonista Cinzia Proietti, dei suoi amici e della sua famiglia traccia un futuro possibile e plausibile a partire degli avvenimenti attuali e da episodi storici recenti.

Il libro si presta a diversi livelli di lettura, a seconda del livello di approfondimento a cui il lettore decide di giungere: ad un primo livello c’è il piacevole racconto di un gruppo di giovani che si trova a vivere, senza troppi conflitti, in un mondo dalla globalizzazione estremizzata in cui l’Azienda guida un processo di omologazione planetaria con lo scopo di creare il cliente universale: questo processo porta ad alcuni effetti positivi, come ad esempio l’eliminazione dei conflitti e la correzione degli squilibri nella distribuzione della ricchezza che minano l’iper liberismo attuale.

Nel dipanarsi della storia questo gruppo di giovani, attraverso i dubbi di Cinzia e le sagge indicazioni di tre “anziani”, si renderà conto dei limiti del progetto dell’Azienda e cercherà di porvi rimedio in maniera creativa.

Questi limiti non vengono tanto riconosciuti in quei fatti che i miei coetanei considererebbero inaccettabili ed orwelliani; per citare un esempio i giovani protagonisti non sono tanto disturbati dallo stravolgimento dei metodi democratici in cui le elezioni sono sostituite da un casting aziendale fatto analizzando con mirabolanti algoritmi i dati che i candidati postano sui social network.

L’utopia del cliente universale del L’Azienda viene messa in discussione dal dubbio, esistenziale e filosofico, che essa snaturi l’essere umano chiudendogli ogni possibilità futura.

Ad un altro livello, la lettura del L’Azienda mi ha ricordato il dibattito sulla differenza fra globalizzazione e mondializzazione che ha permeato tutti gli anni 90 e che nel libro viene riproposto “dal vivo” con l’affresco della globalizzazione al suo massimo splendore: come la stessa Cinzia Proietti intuisce, benché la tendenza alla mondializzazione sia un fenomeno evolutivo ed inarrestabile, se questa tendenza si esprime sono in termini economici e di consumo genera quelle giuste tensioni e quelle reazioni che trovano una risposta involutiva nei neo-nazionalismi e nell’etnocentrismo degli ultimi anni.

Nel progetto editoriale de L’Azienda c’è anche la sua riproduzione come Audio Libro pensato per il nuovo pubblico dei lettori “sonori”

 

L’azienda di Cristiano Chiesa-Bini – editore Associazione Multimage – EAN 9788899050009

Categorie: Cultura e Media, Europa
Tags: ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.