Libya INGO Forum lancia un appello all’Unione Europea affinché si cambi la politica sugli immigrati

23.05.2019 - Redazione Italia

Libya INGO Forum lancia un appello all’Unione Europea affinché si cambi la politica sugli immigrati
(Foto di Africa rivista)

I membri del Libya INGO Forum sono molto preoccupati per il costo delle politiche migratorie europee in termini di vite umane. È essenziale passare da un sistema che criminalizza rifugiati e migranti a politiche che proteggono la vita e la dignità delle persone.

Ogni giorno la comunità degli operatori umanitari è testimone delle atroci sofferenze di migranti e rifugiati in Libia, dove la violenza continua a destabilizzare il paese.

Nonostante l’instabilità della situazione politica e umanitaria, il paese rimane al centro degli sforzi dell’Unione Europea per impedire ai migranti di raggiungere le coste dei paesi membri. Le evidenze e le prove delle continue violenze e dei costanti abusi perpetrati ai danni di migranti e rifugiati sono ampiamente noti. Eppure le politiche in materia di immigrazione dell’Unione Europea e dei suoi Stati

membri, incluso il supporto alla Guardia Costiera libica, stanno indirettamente facilitando il ritorno in Libia di rifugiati e migranti che rischiano le proprie vite per attraversare il Mediterraneo. E finiscono in centri di detenzione in condizioni disumane con minime possibilità di poter esercitare i propri diritti di chiedere asilo o accedere ad altre forme di protezione internazionale.

In Libia migranti e rifugiati, inclusi donne e bambini, sono a rischio di detenzione arbitraria e a tempo indeterminato.

Nei centri di detenzioni le condizioni di vita sono terrificanti: la mancanza di acqua potabile, cibo e accesso a cure mediche sta diventando sempre più severa man mano che la violenza e i disordini nel paese si intensificano. La popolazione più vulnerabile è esposta a gravi violazioni dei diritti umani che includono tortura, abusi sessuali, violenze fisiche, estorsione e traffico di esseri umani.

La Libia non è un paese sicuro dove migranti e rifugiati possano essere rimandati e i recenti episodi di violenza a Tripoli lo provano ancora una volta. Le opzioni di evacuazione o ricollocamento
attualmente disponibili non sono sufficienti per garantire protezione o condizioni di sicurezza a coloro che si trovano in mezzo al conflitto tra parti avverse.

I membri del Libya INGO Forum e la comunità degli operatori umanitari in senso più ampio hanno la responsabilità morale di rispondere a questa crisi che sta coinvolgendo migliaia di migranti e rifugiati e proteggere le loro vite, i loro diritti e la loro dignità. Le politiche dell’Unione Europea contribuiscono ad aggravare la crisi umanitaria in Libia facilitando indirettamente il ritorno di migranti e rifugiati nei centri di detenzione. L’intervento umanitario non dovrebbe essere utilizzato come ragione per legittimare i respingimenti e i rientri in Libia.

Il Libya INGO Forum chiede alla società civile e ai cittadini europei di continuare a far sentire la loro voce per chiedere ai leader europei di adottare politiche migratorie in linea con gli standard umanitari

e dei diritti umani. È di fondamentale importanza che gli Stati membri dell’Unione Europea si attengano a questi valori e al rispetto per le vite umane:

1. L’Unione Europea e i suoi Stati membri devono urgentemente rivedere il loro approccio alle politiche migratorie e dare priorità a politiche che proteggono la vita e la dignità di rifugiati e migranti

2. L’Unione Europea e i suoi Stati membri devono smettere di sostenere politiche e azioni che sostengono indirettamente il rientro di rifugiati e migranti in Libia, paese diviso e colpito da un conflitto dove i migranti e i rifugiati sono esposti a condizioni terribili

3. Gli Stati membri devono impegnarsi ad aumentare i posti per il reinsediamento e a organizzare l’evacuazione umanitaria di coloro che si trovano in centri di detenzione verso destinazionisicure al di fuori della Libia dove siano garantite protezione e cure mediche.

 

Il Libya INGO Forum è un network indipendente e informale di ONG internazionali che operano in Libia portando sostegno umanitario alle persona più vulnerabili, inclusi migranti e rifugiati.

 

Danish Refugee Council (DRC)

International Rescue Committee (IRC)

Première Urgence International (PUI)

INTERSOS

Mercy Corp

Cooperazione e Sviluppo (CESVI)

Fondazione L’Albero della Vita (FADV)

Gruppo di Volontariato Civile (GVC)

Terre des Hommes Italy (TdH Italy)

Comitato Europeo per la Formazione e l’Agricultura (CEFA)

Categorie: Comunicati Stampa, Europa, Migranti
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.