Decennale di Pressenza, «Paesaggi Kosovari», 16 Marzo, Libreria Tamu – Napoli

11.03.2019 - Napoli - Multimage

Decennale di Pressenza, «Paesaggi Kosovari», 16 Marzo, Libreria Tamu – Napoli

Il volume «Paesaggi Kosovari 1998-2018. Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace» (Multimage, Firenze, 2018) nasce dalla ricerca-azione per Corpi Civili di Pace, nei Balcani, in particolare in Kosovo, e sviluppa un itinerario di carattere sociale e culturale, quest’anno 2019 ricorrendo i venti anni della Guerra del Kosovo.

La Guerra del Kosovo ha rappresentato un vero e proprio spartiacque: concretizza per la prima volta, nella sua formulazione contemporanea, il paradigma della «guerra umanitaria» e inaugura una nuova modalità di concezione della guerra, in cui la caratterizzazione etno-politica, manipolando le narrazioni, può intervenire a giustificare interventi armati.

L’azione degli operatori e delle operatrici civili di pace punta ad un lavoro di tessitura dei rapporti sociali: sviluppa, in sinergia con gli operatori e le operatrici locali, una modalità di intervento sul e nel conflitto, abitando lo scenario del conflitto dalla parte delle vittime delle violenze e delle violazioni e attraversando la dinamica di conflitto con un approccio orientato alla trasformazione, all’insegna della «pace positiva», pace e giustizia insieme.

È anche un’azione di comunicazione: di messa in condivisione, di costruzione di ponti, di circolazione delle idee per la trasformazione, di itinerari della cultura per la convivenza.

Negli scenari del conflitto, le risorse sociali e i patrimoni culturali possono assumere una importanza estremamente significativa. Precipitati nella spirale della violenza, quando vengono fatti oggetti di distruzione e di vandalizzazione, perché identificati come segni culturali o matrici identitarie del “nemico”, essi possono tuttavia veicolare una memoria collettiva o trasferire un patrimonio di senso e di significato attraverso le generazioni.

Se i Balcani sono, da sempre, luogo di conflitti e di attraversamenti, essi sono anche, d’altra parte, lo scenario in cui sono state sperimentate esperienze politiche e culturali di grande rilevanza, in particolare nel senso dell’inclusione e dell’incontro tra i popoli e le culture. Nel senso della convivenza e del progresso, cui, peraltro, allude il contesto multi-culturale della Jugoslavia socialista: sei stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti …

Il volume, con la ricerca-azione che lo sostanzia, rappresenta anche una riflessione sui patrimoni culturali, materiali e intangibili, in termini di sedimenti di memoria e di valore culturale universale, al di là ed oltre le divisioni socio-culturali e le barriere etniche. Una riflessione corale con cui mettere a fuoco il tema della memoria per superare i recinti delle appartenenze escludenti e delineare una prospettiva di convivenza, condivisione, pace.

L’evento, un dialogo aperto, a più voci, animato dagli spunti di Rosanna Sirignano (Università di Heidelberg), Olivier Turquet (Pressenza) ed Immacolata Caruso (ISSM – CNR), si svolge presso la Libreria Tamu, in Via Santa Chiara, a Napoli, sabato 16 marzo, con inizio alle 18.00.

Categorie: Comunicati Stampa, Cultura e Media
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Eventi 10 anni di Pressenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.