Comunità di Pace di San Josè Apartadò: 22 anni di resistenza nonviolenta

18.03.2019 - La Bottega del Barbieri

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Comunità di Pace di San Josè Apartadò: 22 anni di resistenza nonviolenta

Terzo incontro europeo delle associazioni solidali con la  Comunità di Pace svoltosi a Burgos dal 1 al 3 Marzo 2019

” Stiamo tornando agli anni ’90” così Gildardo Tuberquia, leader storico della Comunità di Pace di San Josè Apartadò e Padre Javier Giraldo, accompagnante da 22 anni  della Comunità,  iniziano  il loro  intervento al  Terzo Incontro Europeo delle associazioni solidali con la  Comunità di Pace svoltosi a Burgos dall’1 al 3 di Marzo 2019.Nonostante la firma degli accordi di pace , infatti, gran parte della popolazione civile, soprattutto nelle zone rurali, vive ancora quotidianamente sotto la costante minaccia della violenza a causa della persistente presenza di gruppi neoparamilitari e della guerriglia dell’ELN.
Se da un lato il conflitto sembra essersi formalmente interrotto con la firma degli Accordi di Pace, dall’altro si riscontra un aumento della violenza nei confronti dei civili e in particolare dei difensori dei Diritti Umani, impegnati nella costruzione effettiva della pace attraverso percorsi comunitari, inclusivi e di difesa dei diritti umani e dell’ambiente, solo negli ultimi tre mesi ne  sono stati uccisi  120.
Le zone “lasciate libere” dalle Farc sono state occupate dai neoparamilitari per perseguire specifici interessi economici, con forti coinvolgimenti in diverse attività criminali, quali il narcotraffico, e strette collaborazioni con le imprese estrattive e agroalimentari, sia nazionali che internazionali.Queste ultime, infatti, non di rado utilizzano i gruppi paramilitari per ottenere lo sfollamento dei civili e il controllo dei territori di loro interesse. Ritornano il pagamento del ” pizzo” per poter coltivare i campi, la massiccia presenza di informatori pagati dai paramilitari, il reclutamento di minori e di ex guerriglieri  dissidenti delle Farc. Tutto ciò ha contribuito ad aumentare notevolmente il numero di sfollati : da 14.600 nel 2017 a 27.800 nel 2018.
Diversi organismi denunciano apertamente come i gruppi paramilitari siano penetrati negli apparati pubblici, favorendo da un lato politici corrotti, imprenditori e proprietari terrieri, e dall’altro continuando a far scomparire, minacciare, uccidere i civili, in particolare i difensori di Diritti Umani che si oppongono alla loro avanzata.
La situazione della Comunità  è ancora più problematica  per la sue scelte di vivere la  nonviolenza attiva e di denunciare pubblicamente le continue violazioni subite.
 Queste contadine e contadini nonviolenti   fidano apertamente un modello economico e di mercato che si basa sullo sfruttamento umano e ambientale e sulla violenza dimostrando che tale modello è insostenibile sia  a livello locale che globale, e mostrando al mondo uno stile di vita che mette al centro la persona, la comunità e l’ambiente. Per tutto questo la Comunità di Pace è considerata, da chiunque abbia grossi interessi economici in Colombia legati allo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali e ambientali, un modello da cancellare e non lasciar replicare.
Con queste premesse a Burgos  insieme a diversi  gruppi provenienti da Spagna, Italia, Belgio e Svizzera  ci siamo confrontati e abbiamo cercato di trovare una linea comune di sostegno  alla Comunità partendo dalle ultime violenze accadute.
Il 29 dicembre 2017  5 paramilitari  sono entrati nella comunità con l’intento di uccidere Germán Graciano Posso il rappresentante legale della comunità. Solo per il tempestivo arrivo di tutta quanta la Comunità  nel luogo dell’agguato, si è riusciti a salvare German  e a catturare i 5 paramilitari, che , una volta consegnati alle autorità colombiane , sono stati subito liberati.
Successivamente c’è stata un’occupazione di terre in una zona appartenente  alla Comunità da parte di campesinos  esterni  sobillati  dai paramilitari , che cercano in ogni modo di  eliminare questi eroici contadini e contadine. Qui si nota il già consolidato disegno politico di dividere il campesinato  e di mettere gli uni contro gli altri .
Dal settembre 2018 ad oggi, inoltre, grava sulla Comunità  un provvedimento giudiziario seguito a una ridicola denuncia per diffamazione effettuata dalla Brigata XVII dell’Esercito Nazionale. Il comandante , colonnello Carlos Alberto Padilla, ha presentato una denuncia contro la Comunità perché le testimonianze con le quali faceva appello al paese e alla comunità internazionale di fronte alle violazioni dei suoi diritti perpetrate da agenti dello Stato, avrebbero danneggiato “il buon nome dei militari“, esigendo che tutto questo materiale venisse ritirato dai social media e le denunce ritrattate.
La denuncia è stata accolta da una giudice del Secondo Tribunale di Apartadó fino ad
emettere – in seguito al rifiuto della Comunità di ritrattare  – una sentenza
di arresto di 5 giorni contro il rappresentante legale Germán Graciano.
Per scongiurare l’esecuzione di questa sentenza ingiusta, illegittima, pericolosa e
anticostituzionale, considerato che Germán gode delle misure cautelari della Corte
interamericana per i DU, e che la Corte Costituzionale colombiana più volte ha sentenziato in favore delle misure di protezione della Comunità, sia la comunità
internazionale che gli avvocati della comunità stessa si sono attivati e, infine, la Corte
Costituzionale ha rivisto la sentenza e finalmente l’ha sospesa.
Alla luce di questi ultimi accadimenti si è deciso di rafforzare l’accompagnamento  internazionale in loco, che riduce la violenza e le minacce  nei confronti, soprattutto, dei leaders della Comunità. In questi ultimi mesi, purtroppo, il numero degli accompagnanti si è notevolmente ridotto, per cui occorre  organizzare  e formare gruppi di persone solidali che volontariamente possano dedicare qualche settimana del loro  tempo alla Comunità.
Un altro  gruppo di lavoro  continuerà ad occuparsi delle ” azioni urgenti” ovvero fare pressione tramite telefonate, mail, petizioni , alle autorità colombiane ed internazionali  quando accadono violazioni particolarmente pesanti . A questo si aggiunge il lavoro di denuncia e di sostegno di alcuni  Comuni europei, che hanno stipulato patti d’amicizia o concesso cittadinanza onoraria .
Importante è anche  mantenere sempre aggiornata l’informazione riguardo la comunità .
Un’altra parte di lavoro sarà dedicata ai progetti , oltre al sostegno economico per migliorare l’istruzione autonoma, la coltivazione organica d i tutto ciò che la terra particolarmente fertile può offrire, si darà impulso , a livello europeo, al progetto ” Chocopaz” una barretta di cioccolata, realizzata col cacao della Comunità,  lavorata dalla Cooperativa Quetzal di Modica e presente in diverse botteghe di commercio equo, per ora solo in Italia.
Al termine dell’incontro abbiamo sottoscritto una  petizione inviata ai vari Ministri  degli Esteri delle nostre nazioni di appartenenza ” per porre fine alla presenza paramilitare nella zona;  alle minacce, controlli e attentati agli abitanti della comunità;   alla connivenza e collaborazione tra militari, polizia ed alcune autorità civili con le organizzazioni paramilitari ed altre organizzazione delittuose; invitando la  Colombia  affinché compia i passi necessari per raggiungere una Pace effettiva infine  sollecitare con la massima fermezza il Governo della Colombia perché metta in atto tutte le misure necessarie per porre fine alla  interminabile catena di assassini dei leaders sociali in tutto il paese.
Gildardo  e Padre Javier, dopo aver lasciato Burgos, hanno  raggiunto il Palazzo dell’Onu di Ginevra, li aspettava il Relatore Speciale delle Nazioni Unite per la Colombia, insieme a tanti altri amici ed esperti impegnati nella protezione di chi difende i diritti umani.
Giovedì 7 marzo è stata la   volta della Corte Penale Internazionale dell’Aia per denunciare gli eccidi compiuti nella Comunità e  ad ora ancora impuniti.
Le minacce contro i campesinos della Comunidad restano incombenti e quotidiane, perché la sola presenza di un’esperienza così straordinaria risulta intollerabile per  l’arroganza dei poteri colombiani, abituati come sono a seminare impunemente terrore e lacrime in tutto il paese.

 Nelly Bocchi

Categorie: Europa, Nonviolenza, Pace e Disarmo, Sud America
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 15.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.