Sudan, la giornalista Napoli: l’UE faccia di più per i diritti

15.01.2019 - Agenzia DIRE

Sudan, la giornalista Napoli: l’UE faccia di più per i diritti
(Foto di Articolo 21)

Per contrastare la repressione violenta del dissenso in Sudan e “cercare di ottenere qualche effetto positivo”, le autorità  europee “devono pressare”, in particolare facendo leva su “economia e business”. Così oggi all’agenzia ‘Dire’ la giornalista Antonella Napoli, intervistata a margine di una conferenza stampa di ritorno da Khartoum.

Secondo Napoli, le autorità’ europee “devono fare di più perché il Sudan è sensibile a tutto ciò che riguarda l’economia, il business”. Nel corso dell’incontro, intitolato ‘Illuminiamo il Sudan’, la giornalista ha rivolto un appello ai colleghi:  “Facciamo sapere quello che sta succedendo in questo paese dove ci sono stati già 55 morti, 1200 arresti, e il governo continua a reprimere ogni forma di dissenso con la violenza, nel sangue”.

Napoli si era recata a Khartoum per documentare le proteste in corso contro il governo del presidente Omar Al-Bashir. Nel corso del soggiorno la giornalista è stata sottoposta a un breve fermo da parte della polizia, che le ha sequestrato e cancellato testimonianze foto e video.

Durante l’intervista con la ‘Dire’, Napoli ha ringraziato il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury, che ha dato l’allarme dopo il suo arresto, e la Farnesina, per l’intervento “straordinario e immediato” con cui si è mobilitata per il suo rilascio.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.