Nell’auditorium Eugenio Espejo dell’Universidad Andina Simón Bolívar, a Quito (Ecuador), Pressenza ha celebrato i suoi dieci anni di lavoro informativo con le Giornate Internazionali del Giornalismo di Pace e Nonviolenza, il 30 e 31 ottobre scorso; questa celebrazione ha avuto anche il sostegno dell’Ufficio di Quito dell’UNESCO, di Radio Pichincha Universal e del Programa Andino de Derechos Humanos.

Martedì scorso i partecipanti hanno potuto interagire con gli oratori: Mariano Quiroga di Pressenza Argentina, Gunther Aleksander di Pressenza Brasile e Tony Robinson di Pressenza Regno Unito su temi come la costruzione della cultura della nonviolenza attraverso il lavoro giornalistico, l’importanza di accompagnare giornalisticamente i processi sociali e la comprensione che la pace è anche notizia sul disarmo e contro l’armamentismo.

Nel pomeriggio di mercoledì, la conferenza ha visto l’interazione tra Sally Burch dell’ALAI (Agencia Latinoamericana de Información) e Indira Salazar, rappresentante dell’UNESCO di Quito; di fronte ai crescenti controlli delle informazioni e dei dati degli utenti delle piattaforme di comunicazione, sono state proposte alternative per raggiungere l’integrazione regionale; inoltre, sono state scambiate idee per combattere, a partire dall’etica giornalistica, il discorso dell’odio nato dalla disinformazione.

 

Le attività di questi due giorni si sono concluse con l’intervento di Gina Benavides, Difensore del Popolo, che ha fatto un riconoscimento emotivo allo Spazio Nonviolento (centro culturale umanista a Quito, N.d.T.) e a tutti coloro che lo conformano, per la sua storia e lavoro; Lo Spazio quest’anno è arrivato a organizzare in tredici città del paese l’Ottobre Nonviolento 2018, un evento di enorme portata nella costruzione della cultura della nonviolenza.

È così che si conclude questo mese molto speciale per umanisti, promotori e costruttori della Nonviolenza Attiva, ma il lavoro continua, questo Ottobre Nonviolento non sarebbe stato possibile senza il lavoro costante che si è svolto durante l’anno.

 

Foto: Mariano Quiroga e Walker Vizcarra