Italiani e bengalesi a Roma Chiedono la liberazione del fotoreporter Shahidul Alam

10.09.2018 - Roma - Redazione Italia

Italiani e bengalesi a Roma Chiedono la liberazione del fotoreporter Shahidul Alam
(Foto di Iqbal Hossein)

Lunedì 10 settembre si è svolto un incontro pubblico davanti all’ambasciata del Bangladesh a Roma per richiedere il rilascio incondizionato del fotografo e attivista Shahidul Alam e tutti i detenuti, che hanno aderito alle proteste per le strade sicure e la riforma delle quote.

Il rapimento e l’imprigionamento di Alam non solo simboleggia il comportamento oppressivo dello stato e la paranoia delle forze di opposizione, ma anche i difetti sistemici legali nella sezione 57 dell’atto ICT di cui Alam è stato accusato.

La sezione 57 ha permesso allo stato di mettere a tacere efficacemente il dissenso politico ed è stato descritto da Human Rights Watch come un atto “draconiano”. Autorizza il perseguimento di qualsiasi persona che produce materiale diffamatorio. L’intolleranza alla libertà di espressione delle autorità del Bangladesh contribuisce allo stile di governo autocratico del primo ministro Hasina. Non è limitato al caso di Alam, ma rappresenta una questione molto più ampia e mette in discussione la stabilità politica del Bangladesh.

Dopo che un autobus in corsa ha ucciso due studenti a Dhaka alla fine di luglio, migliaia di studenti, tra cui scolari, hanno protestato per le strade. Mentre le proteste si sono intensificate in una protesta generale contro il governo, il governo ha risposto scatenando I militanti del partito della Lega Awami per attaccare gli studenti manifestanti. Alam è stato tra i giornalisti che hanno assistito alle violenze della Lega Awami che attaccavano manifestanti e giornalisti mentre la polizia era presente.

La causa scatenante dell’arresto di Shahidul Alam è stata un’intervista rilasciata ad Al Jazeera, in cui ha parlato in modo critico della brutale repressione delle manifestazioni studentesche a Dhaka da parte del governo del primo ministro Sheikh Hasina. Ha anche parlato della corruzione ufficiale, degli anni di malgoverno, della soppressione del dissenso e delle uccisioni e delle sparizioni extragiudiziali sotto la sorveglianza della Lega Awami della signora Hasina.

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.