Migranti, dure accuse di Amnesty International all’Italia, a Malta e all’Europa

08.08.2018 - Redazione Italia

Migranti, dure accuse di Amnesty International all’Italia, a Malta e all’Europa
(Foto di https://www.facebook.com/pg/proactivaservice/photos/?ref=page_internal)

“Tra il diavolo e il mare blu profondo. I fallimenti dell’Europa su rifugiati e migranti nel Mediterraneo centrale” è il titolo di un rapporto di 27 pagine in cui Amnesty International accusa l’Italia, Malta e l’Europa di usare come “moneta di scambio le vite dei migranti” e di essere “collusi con la Libia”.

Amnesty denuncia la morte in mare di oltre 721 persone tra giugno e luglio e le nuove politiche italiane che hanno lasciato le persone bloccate in mare per giorni e analizza il modo in cui i paesi dell’Unione Europea stanno cospirando per contenere rifugiati e migranti in Libia, dove sono esposti a torture e abusi.

Sono più che raddoppiati, dai 4.400 di marzo ai 10.000 di fine luglio (compresi 2.000 fra donne e bambini), gli internati nei centri libici. “Virtualmente – scrive Matteo de Bellis, ricercatore di Amnesty esperto di asilo e migrazione – sono tutte persone intercettate in mare e riportate in Libia dalla Guardia costiera libica che è equipaggiata, addestrata e supportata da governi europei”.

Il rapporto denuncia anche il modo in cui le autorità italiane e maltesi hanno denigrato, intimidito e criminalizzato le Ong che cercano di salvare vite in mare, rifiutando alle loro navi il permesso di sbarcare e arrivando addirittura a sequestrarle e definisce “profondamente preoccupanti” i piani di espandere questa politica di esternalizzazione nella regione.

 

 

Categorie: Africa, Diritti Umani, Europa
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.