Sudan, libero l’insegnante di religione che rischiava la pena di morte

27.07.2018 - Riccardo Noury

Sudan, libero l’insegnante di religione che rischiava la pena di morte
(Foto di https://iranians.global/)

Matar Younis Ali Hussein, insegnante e difensore dei diritti umani tra i più coraggiosi del Sudan, è salvo.

Rischiava la pena di morte per aver preso posizione in favore della popolazione del Darfur – dal 2003 vittima collettiva di un’offensiva militare per la quale il presidente sudanese Omar al-Bashir è imputato presso il Tribunale Penale Internazionale per crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio – ma dal 26 luglio è libero.

Matar Younis Ali Hussein era stato arrestato il 1° aprile dopo aver criticato il governo sudanese per gli omicidi, i rapimenti, le devastazioni e i saccheggi dei villaggi, la violenza sessuale e altro ancora in corso da 15 anni in Darfur. Più volte, aveva denunciato il falso “processo di pace” promosso dal governo e aveva sollecitato protezione per gli sfollati del conflitto.

Il 24 giugno era stato incriminato per “guerra contro lo stato”, “tentativo di sovvertire il sistema costituzionale” e “spionaggio”. Se giudicato colpevole anche di uno solo di questi reati, sarebbe stato messo a morte.

E invece, grazie a un’enorme mobilitazione interna e internazionale, è stato assolto e rilasciato. Ora si spera che Matar Younis Ali Hussein possa riprendere a insegnare la religione coranica e a chiamare alla preghiera dalla moschea di Zalingei, nel Darfur centrale, senza temere ulteriori persecuzioni e rappresaglie giudiziarie.

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.