Mauritania, rilasciati due attivisti contro la schiavitù

18.07.2018 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese

Mauritania, rilasciati due attivisti contro la schiavitù

Dopo 743 giorni e numerosi appelli di Amnesty International, il 18 luglio Moussa Biram e Abdallahi Matallah Saleck, due attivisti del movimento antischiavista della Mauritania, sono stati rilasciati.  Moussa Biram e Abdallahi Matallah Saleck erano stati arrestati il 29 giugno 2016 a Nouakchott, la capitale mauritana, a seguito di una protesta contro una serie di sgomberi forzati cui, peraltro, non avevano partecipato.

Torturati nei primi giorni di detenzione segreta, il 23 novembre 2016 i due attivisti erano stati condannati a tre anni di carcere, uno dei quali sospeso, per incitamento alla rivolta e ribellione contro il governo.

Dopo il processo, Moussa Biram e Abdallahi Matallah Saleck erano stati trasferiti in una prigione situata a 1200 chilometri dalla capitale, che di solito ospita i condannati a morte e che non prevede visite di avvocati e familiari.

Nel corso del processo, la pubblica accusa non era stata in grado di presentare una singola prova sui loro presunti reati. Per questo, Amnesty International aveva adottato Moussa Biram e Abdallahi Matallah Saleck come prigionieri di coscienza avviando la campagna per la loro scarcerazione.

 

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.