Etiopia, cittadino britannico graziato dopo quattro anni nel braccio della morte

31.05.2018 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Etiopia, cittadino britannico graziato dopo quattro anni nel braccio della morte
(Foto di Reprieve)

Dopo quattro anni di indicibile sofferenza nel braccio della morte e una mobilitazione globale che ha coinvolto decine di migliaia di persone, Andargacher (Andy) Tsege ha finalmente ottenuto la grazia.

Fervente critico del governo dell’Etiopia, Tsege era fuggito dal suo paese negli anni Settanta per riparare in Gran Bretagna.  Nel 2009 un tribunale speciale etiopico l’aveva condannato a morte, in contumacia, per pretestuosi reati di terrorismo. Nel 2014 era stato bloccato in un aeroporto dello Yemen e deportato illegalmente in Etiopia.

Solo nel 2017 il governo di Londra ha dichiarato che stava seguendo il caso. Forse, alla fine, l’insistenza per quanto tardiva del ministro degli Esteri Boris Johnson sul nuovo primo ministro Abiy Ahmed sarà risultata determinante. Però ci sono voluti quattro anni. Quattro anni in cui Andy Tsege è mancato terribilmente ai suoi tre figli e alla moglie.

Categorie: Africa, Diritti Umani
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Giornata della Nonviolenza

Giornata della Nonviolenza

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.