Natalie Portman rifiuta il “Nobel” d’Israele

21.04.2018 - Potere Al Popolo

Natalie Portman rifiuta il “Nobel” d’Israele

«I recenti avvenimenti in Israele sono stati estremamente dolorosi per lei e non si sente a proprio agio nel partecipare ad alcun evento pubblico in Israele. Non può partecipare alla cerimonia con la coscienza pulita».

La disdetta di Portman ha fatto tuonare il ministero della cultura israeliano. L’accusano di essere manovrata dal movimento BDS – il movimento che pacificamente promuove azioni di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni per colpire Israele e la sua politica di occupazione coloniale.

La verità è che ormai anche chi non è mai stato un paladino dei diritti dei palestinesi, chi fino ad ora aveva pensato di poter restare in disparte (Natalie Portman è cittadina israeliana e non un’attivista per i diritti umani e politici in Palestina), non può tacere i crimini plateali d’Israele.

I cecchini che nemmeno una settimana fa sparano ed esultano sul ferimento e la morte di innocenti ce li abbiamo ancora negli occhi. Ancora ieri Israele ha fatto 4 vittime fra i civili.

Palestina libera!

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Medio Oriente
Tags: , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

 

Solidarietà ai tempi del Coronavirus

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

Chiudiamo le pagine di chi spegne i sorrisi

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.