Il Sessantotto e la ribellione allo stabilito

23.03.2018 - Anna Polo

Il Sessantotto e la ribellione allo stabilito
(Foto di Uliano Lucas Wikimedia Commons)

Il ’68 – e gli anni precedenti e successivi – hanno rappresentato senza dubbio un periodo di svolta, una cesura, un “prima” e un “dopo” imprescindibile. Si può parlare di quegli anni da tanti punti di vista, utilizzando approcci e metodologie diverse. Il mio contributo consiste in una testimonianza personale, senza pretese di analisi sociologiche e dotti approfondimenti: vorrei semplicemente trasmettere un clima e un’esperienza comuni a tante altre persone della mia generazione, che nel mio caso hanno segnato profondamente anche la mia vita successiva, portandomi alla scelta umanista che ancora oggi mi guida e tentare una riflessione su quello che è successo dopo.

Quel clima e quell’esperienza consistevano essenzialmente in un’apertura esaltante, nella sensazione di “avere il mondo in mano” e di un futuro colmo di promesse. Senza Internet e i tanti, velocissimi mezzi di comunicazione che oggi abbiamo a disposizione, ci sentivamo comunque vicini e uniti agli studenti americani che protestavano contro la guerra nel Vietnam, ai neri americani e alle loro lotte per i diritti civili, ai cileni protagonisti dell’avventura dell’Unidad Popular e poi della terribile repressione di Pinochet e ai vietcong che resistevano all’arroganza e alla violenza degli Stati Uniti. Le manifestazioni e le occupazioni delle scuole a cui partecipavamo con entusiasmo non restavano così un fenomeno isolato, solo italiano, ma facevano parte della ribellione di una generazione che in tutto il mondo metteva in discussione lo stabilito e voleva cambiarlo. Une generazione che si sentiva protagonista della sua vita e del suo futuro.

La musica era un formidabile elemento di unione: imparavamo lo spagnolo cantando le canzoni degli Inti Illimani e l’inglese grazie a Bob Dylan, a Joan Baez e all’esplosione creativa dei Beatles. Scoprivamo il mondo e la storia non solo attraverso le canzoni, ma anche grazie al cinema e al teatro: film come “Easy Rider”, “Fragole e sangue”, “Il piccolo grande uomo”, “Soldato Blu”, “Zeta l’orgia del potere”, “Sacco e Vanzetti”, “Queimada”, “Uomini contro” e “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”  e spettacoli come “Morte accidentale di un anarchico” e “Mistero Buffo” ci aprivano gli occhi su vicende e personaggi deformati o dimenticati dalla storia ufficiale e alimentavano la ribellione all’ingiustizia e la voglia di cambiamento.

Certo, c’erano anche i lati oscuri, che in seguito hanno preso il sopravvento: la violenza, considerata legittima, contro i fascisti, ma spesso anche contro i membri di altri gruppi studenteschi, il settarismo e le assemblee spesso inconcludenti, manipolate dai più abili a parlare e a imporsi sugli altri. E così alla fine quel periodo esaltante è sfociato per molti in strade distruttive come il terrorismo e la droga, o nel misticismo “alla moda” degli arancioni che a frotte andavano in India a cercare se stessi e una nuova vita.

La delusione, il senso di fallimento e il cosiddetto “riflusso” hanno portato molti dei miei compagni di strada di quegli anni a dimenticare ogni impegno sociale e politico e a dedicarsi alla carriera e alla famiglia. Per non parlare di quelli che hanno compiuto un salto acrobatico, finendo nelle file della destra più becera e arrogante. Quegli anni di impegno e attivismo sono così diventati una parentesi da dimenticare in fretta, per concentrarsi sulla ricerca del successo e dell’affermazione di sé. Spesso sono questi “reduci falliti” i più accaniti avversari dei nuovi movimenti che negli anni successivi hanno ripreso la via del cambiamento: degradano e scherniscono, come se non potessero sopportare l’idea che altri provino dove loro hanno fallito. E infatti oggi molti giovani raccontano che nei loro lavori precari si trovano spesso un capo “sessantottino” pronto a sfruttarli senza la minima remora.

Tutto inutile, dunque? No, non lo credo. Innanzitutto tanti hanno continuato nella via dell’impegno, scegliendo strade e modalità diverse, senza lasciarsi scoraggiare dalle sconfitte o dalla mancanza di risultati, ma spinti dal desiderio di contribuire a quell’accumulazione di bontà, solidarietà, giustizia e compassione che ha sempre fatto avanzare l’umanità.

E poi come non vedere nei giovani che negli ultimi anni hanno animato la scena mondiale lo stesso spirito di ribellione allo stabilito che pervadeva la “meglio gioventù” degli anni Sessanta e Settanta? Penso ai protagonisti della “rivoluzione degli ombrelli” a Hong Kong, all’ondata di attivismo suscitata da Bernie Sanders negli Stati Uniti e da Jeremy Corbyn nel Regno Unito, ai nativi americani che difendono le loro terre dall’inquinamento degli oleodotti, agli studenti cileni pronti a sfidare idranti e manganelli per rivendicare un’istruzione pubblica e gratuita e ai giovanissimi sopravvissuti delle stragi nelle scuole americane, che si ribellano alla violenza da armi da fuoco, sfidano i politici pagati dalla National Rifle Association e domani guideranno a Washington la March for Our Lives.

Nulla di ciò che è buono va mai perduto e anzi si evolve e si arricchisce di nuovi apporti. Depurato dalle scorie violente, lo spirito di quegli anni torna a “soffiare nel vento” e accompagna una nuova sensibilità nonviolenta, orizzontale, solidale e coraggiosa. Una sensibilità sintetizzata in quel grido “Enough is enough!” che sembra balzare fuori dallo schermo di cellulari e computer ogni volta che si guarda un video dei sopravvissuti all’ultima strage in una scuola degli Stati Uniti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categorie: Cultura e Media, Nonviolenza, Opinioni
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Video presentation: What Pressenza is...

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.