Le mamme no-pfas del Veneto

29.03.2018 - Redazione Italia

Le mamme no-pfas del Veneto
(Foto di Leopoldo Salmaso)

Abbiamo pubblicato qui la lettera-appello delle mamme No-PFAS, e ora queste determinate mamme si presentano.

 

La “scoperta” dell’inquinamento da PFAS nelle acque superficiali, sotterranee e potabili nelle province venete di Verona,Vicenza e Padova è avvenuta nel 2013 per merito di uno studio del IRSA-CNR su segnalazione della Comunità Europea anche se la pericolosità di queste sostanze era già nota dagli anni ’70.

Già nel 2006 un medico dell’ISDE , Vincenzo Cordiano, lanciava l’allarme su pericolosi aumenti di patologie negli abitanti della zona,rimanendo purtroppo inascoltato e a volte anche boicottato e deriso.

La notizia fece attivare da subito una serie di associazioni e movimenti,dal circolo “Perla blu di Legambiente di Cologna veneta ai comitati “acqua bene comune di Vicenza,Verona e Padova, ai “GAS” , gruppi di acquisto solidale che si riunirono nel “Coordinamento Acqua libera dai Pfas”.

Si fecero alcuni convegni per diffondere l’allarme invitando isituzioni sanitarie e politiche e coinvolgendo la popolazione. Furono fatte molte richieste tra le quali quelle di mettere dei limiti restrittivi nelle acque ,di cambiare le fonti di approvvigionamento degli acquedotti contaminati e quella di attivare uno screening sanitario sulla popolazione dei territori interessati (2015).

Il primo screening venne fatto sulla popolazione di giovani tra i 14 e i 29 anni. I primi risultati furono oltre le peggiori aspettative:i valori di questi ragazzi superavano di 30-40 volte i limiti di tollerabilità (tra 1,5 a 8 ng/l ) stabiliti dalla OMS. Ragazzi di 14-15 anni con valori di pfas di 80,120,350 ng/ml di sangue.

A questo punto uno sparuto gruppo di 4 mamme iniziò a preoccuparsi di tali risultati e, tramite contatti scolastici ,parrocchiali e di altro genere , in pochi giorni si ritrovarono ad essere in una centinaia e formarono il “Gruppo Mamme no-pfas”. Dopo pochi mesi si ritrovarono in 1500 e iniziarono una lotta che le fece arrivare a chiedere incontri con i sindaci,i responsabili sanitari regionali, il governo regionale e anche diretti con il ministero dell’ambiente e della sanità. Niente e nessuno le ha spaventate, anzi è la loro determinazione a spaventare politici,responsabili sanitari, dirigenti dei Gestori dell’acqua e dell’azienda Miteni,responsabile del disastro. Ora tutti i giornali,le radio e le tv le intervistano . .Servizi di Report, Le Jene, Presa Diretta sono all’ordine del giorno.

Cosa spinge a tanta determinazione? Una domanda che non viene mai posta dai giornalisti e che invece credo abbia una risposta molto semplice ma di un valore elevatissimo:la difesa della prole.

Sembra una banalità in tempi di femminismo, ma l’essenza umana femminile è proprio “LA RIPRODUZIONE DELLA VITA” e qui, in questi luoghi viene messa in forse proprio questa funzione propria e indissolubile della donna. La vita dei figli è il futuro ,è la prosecuzione dell’umanità, della specie, compito che spetta unicamente alle donne e che noi maschi non potremo mai capire fino in fondo. Generare una vita, vederla crescere,cambiare ogni giorno.

L’ avidità ,la stupidità , la miopia di questo sistema che è diventato predatorio e distruttore non solo delle risorse del territorio ma anche della vita dei nostri figli che non vorremmo mai vedere   ammalarsi e soprattutto mettere in forse il loro futuro..

Questa è la forza che si è liberata profondo dell’animo di queste persone. Una forza che è generatrice di altre forze , di relazioni, di solidarietà, non distruttiva ma creatrice e capace di riportare chiunque all’essenza delle cose importanti, come la RIGENERAZIONE DELLA VITA.

Una forza che sta mettendo in crisi la potenza della nuova religione occidentale:l’economia del mercato . Nessuno le fermerà, perchè la loro semplicità è disarmante per i potenti chiunque essi siano.

Esiste un legame indissolubile tra l’acqua che è la vita e la donna che rigenera la vita. Sono entrambe femmine. Guai a chi si mette contro di loro.

 

Per saperne di più:

http://www.arpa.veneto.it/arpav/pagine-generiche/sostanze-perfluoro-alchiliche-pfas

http://www.lettera43.it/it/articoli/cronaca/2017/03/09/pfas-in-veneto-storia-di-una-contaminazione-di-massa/209109/http://atlanteitaliano.cdca.it/conflitto/inquinamento-da-pfas-nelle-province-di-vicenza-verona-e-padova

http://www.unipd.it/ilbo/studio-unipd-pfas-inibiscono-attivita-testosterone-

 

Categorie: Cultura e Media, Ecologia ed Ambiente, Economia, Educazione, Europa, Opinioni, Popoli originari, Salute, Scienza e Tecnologia
Tags: , , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.