USA: si vis bellum, nega pacem!

26.02.2018 - Leopoldo Salmaso

USA: si vis bellum, nega pacem!
(Foto di "Guns into Plowshares", montaggio di Leopoldo Salmaso)

“Se gli USA avessero a cuore la propria democrazia invece che bombardare altri popoli in nome della democrazia, io non avrei bisogno di stare a convincere nessuno che la guerra non è mai giustificabile”. David Swanson

 

Il 12 febbraio 2018, presso la Radford University (Virginia), si è svolto un dibattito pubblico fra David Swanson[1], pacifista , e Pete Kilner[2], studioso di etica militare, sul tema: “La guerra è mai giustificabile?”
In questo dibattito si è discusso in prevalenza su questioni generali, di principio, pur facendo riferimento a guerre specifiche.

Il giorno seguente, presso la Eastern Mennonite University (Virginia), i medesimi oratori sono entrati più specificamente nel merito di guerre da ritenersi giustificabili o meno.

Il video del primo incontro si trova qui
Il video del secondo incontro si trova qui
Gli appunti preparatori di David Swanson si trovano qui e qui.

Oggi ci soffermiamo sul passaggio in cui David Swanson ha elencato molti esempi in cui gli USA hanno deliberatamente scartato ogni possibilità di soluzione pacifica:
“Gli USA, come ogni altro guerrafondaio, devono lavorare sodo per evitare la pace. Gli USA hanno speso anni a respingere ogni negoziato di pace in Siria.
Nel 2011 la NATO impedì che l’Unione Africana presentasse un piano di pace per la Libia, per poter iniziare a bombardarla.
– Nel 2003, l’Iraq era pronto a ispezioni illimitate[3] e perfino alle dimissioni del suo presidente, secondo numerose fonti ivi compreso il premier della Spagna al quale Bush (George W.) in persona riferì che Saddam Hussein aveva offerto di dimettersi.
– Nel 2001, l’Afghanistan era disposto a consegnare Osama bin Laden a un paese terzo perché fosse processato.
– Nel1999, il Dipartimento di Stato USA deliberatamente alzò la posta in gioco, insistendo sul diritto della NATO di occupare l’intera Iugoslavia, così che la Serbia non potesse accettare, e quindi dovesse essere ‘convinta’ con i bombardamenti aerei.
– Nel 1990, il governo iracheno voleva negoziare il suo ritiro dal Kuwait. Chiese che anche Israele si ritirasse dai territori palestinesi e che tutti gli stati della regione, compresi Iraq e Israele, rinunciassero ad ogni arma di distruzione di massa. Numerosi governi insistettero per portare avanti quella proposta. Gli USA scelsero la guerra…
…E così via a ritroso nella storia.
– Gli USA sabotarono ogni proposta di pace per il Vietnam;
– L’Unione Sovietica aveva proposto negoziati di pace prima della guerra di Corea;
– La Spagna voleva che l’affondamento della U.S.S. Maine fosse discusso in un arbitrato internazionale prima che scoppiasse la guerra Ispanico-Americana;
-Il Messico voleva negoziare la vendita dei suoi territori al nord (come già fatto per altri territori ancor più vasti);
In tutti quei casi gli USA preferirono la guerra”.

La prima sera, prima e dopo il dibattito, venne chiesto agli spettatori di indicare con un sì/no/non so la loro risposta alla domanda “La guerra è mai giustificabile?”
Votarono 25 persone con questi risultati:

Il motivo di un così netto ribaltamento si può attribuire non solo al merito degli argomenti addotti, ma anche all’evidenza che la pubblica opinione era stata sistematicamente ingannata, e lo è sempre più.
Ciò è in linea con una delle amare conclusioni di David Swanson: “Se gli USA avessero una democrazia invece che bombardare altri popoli in nome della democrazia, io non avrei bisogno di stare a convincere nessuno”.

 


[1]
scrittore, attivista, giornalista, conduttore radiofonico. E’ direttore di WorldBeyondWar.org. (il mondo oltre la guerra.org). Ha scritto molti libri fra cui War Is A Lie  (La guerra è una bugia) e War Is Never Just (La guerra non è mai giusta). E’ stato candidato al Nobel per la Pace nel 2015, 2016 e 2017. Ha conseguito un Master in Filosofia all’Università della Virginia.

[2] scrittore e e cultore di etica militare, ha servito in fanteria per più di 28 anni e insegna all’Accademia Militare degli USA. E’ stato più volte in Iraq e Afghanistan per condurre ricerche sulla leadership in combattimento. Laureato a West Point, ha un Maser in Filosofia alla Virginia Tech e un Dottorato in Scienze dell’Educazione presso la Statale di Pennsilvania.

[3] Le ispezioni avrebbero dimostrato quello che fu evidente dopo la distruzione dell’Iraq e l’impiccagione di Saddam Hussein: che Bush e Blair mentirono ai loro popoli sapendo di mentire.

 

Immagini: scultura di Esther e Michael Augsburger “Guns into Plowshares” (Forgeranno le loro lance in falci – Isaia 2,4), che si erige come simbolo di non violenza di fronte al quartier generale della polizia a Washington, D.C.

 

Categorie: Internazionale, Nonviolenza, Nord America, Pace e Disarmo
Tags: , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.