Messico, riconosciuto innocente dopo sette anni e mezzo

02.02.2018 - Riccardo Noury

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Messico, riconosciuto innocente dopo sette anni e mezzo

Ci sono voluti sette anni e mezzo prima che un tribunale federale messicano riconoscesse che Sergio Sánchez Arellano aveva ragione.

La sentenza emessa il 1° febbraio ha stabilito che nel marzo 2010 la polizia federale aveva arrestato la persona sbagliata e che Sergio Sánchez Arellano non c’entrava nulla con l’autore di un omicidio e di una tentata rapina che era ricercato.

Ma in Messico spesso accade che fretta, impreparazione e necessità di mostrare di aver ottenuto risultati producano arresti arbitrari.

In carcere Sergio Sánchez Arellano era stato anche picchiato e minacciato di morte affinché confessasse. Ma non c’era niente da confessare. Ciò nonostante, era stato condannato a 27 anni e mezzo.

Sette e mezzo di questi li ha passati in una prigione di Città del Messico. Nessuno glieli ridarà indietro, neanche un risarcimento cui ha pieno diritto.

 

 

 

Categorie: Diritti Umani, Nord America
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.