Festa della Repubblica Multietnica a Torino

03.06.2017 - Torino - Convergenza delle Culture

Festa della Repubblica Multietnica a Torino
(Foto di Convergenza delle Culture)

 Due giorni all’insegna della multiculturalità e dell’accoglienza

 

Il diritto di essere umani. Questo il sottotitolo dell’ottava edizione della Festa della Repubblica Multietnica promossa dall’associazione umanista Orizzonti in libertà e da Convergenza delle Culture che ha visto quest’anno un doppio appuntamento.

Il 1° giugno dal pomeriggio fino a tarda sera alla Cavallerizza Reale, un luogo iscritto tra i beni Unesco, ma abbandonato dall’amministrazione e recuperato da un gruppo di cittadini denominatosi poi Assemblea Cavallerizza 14:45 (dall’orologio fermo sulla facciata) per poterlo godere e conoscere; un bene che deve rimanere pubblico affinché non solo i cittadini di oggi, ma anche le generazioni di domani, possano continuare a goderne. Qui i torinesi hanno potuto viaggiare nel mondo con gli stand presenti nel cortile e con i vari spettacoli che si sono susseguiti fino a sera: danze rom, poesia e musica dalla Turchia, teatro danza dal Perù, canti e danze afro-peruviane, danza del ventre. Tra un’esibizione e l’altra si è discusso del diritto di essere umani, ovvero di accoglienza e solidarietà verso i migranti con il movimento Tous migrants di Briançon, un coordinamento di cittadini che si mobilita per trovare una risposta umanitaria e politica al dramma dei migranti nel Mediterraneo. Si è presentato il progetto Missing at the borders, un sito che vuole dare voce alle famiglie dei migranti morti, dispersi o vittime di sparizione forzata nel viaggio verso l’Europa. Si è data voce alla mostra  Huellas de la memoria – Orme della memoria, le orme dei familiari dei tanti scomparsi in Messico, scarpe logorate da una instancabile, angosciante, solitaria ricerca, che sarà esposta fino all’11 giugno al Sermig. Si è parlato di e con gli italiani senza cittadinanza, le seconde generazioni, i “figli invisibili” di questa società che chiedono a gran voce di avere finalmente una legge che riconosca loro il diritto di essere cittadini a tutti gli effetti. Nel frattempo, in una sala interna, veniva proiettata una rassegna di cortometraggi dal titolo EnterCity realizzati da artisti internazionali riguardanti le stesse tematiche.

Il 2 giugno un corteo coloratissimo e vitale ha attraversato il centro di Torino, un tragitto lungo il quale un vasto pubblico di cittadini e di turisti ha potuto assaporare la bellezza e la ricchezza della diversità, delle tradizioni dei popoli, e ascoltare la voce dei nuovi cittadini. Dal Sermig, l’Arsenale della Pace, luogo simbolico e concreto della solidarietà a Torino, fino a piazza Vittorio Veneto, tutti insieme a chiedere con allegria un presente e un futuro di giustizia, pace, nonviolenza, diritti, accoglienza, solidarietà. Perché questo significa essere umani.

Categorie: Comunicati Stampa, Diversità, Europa
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.