Carovana migranti prima tappa siciliana: da Augusta alla Chiesa degli ultimi

22.05.2017 - Convergenza delle Culture

Carovana migranti prima tappa siciliana: da Augusta alla Chiesa degli ultimi
(Foto di Carovane Migranti)

Lasciata la Calabria, la Carovana si è diretta verso la Sicilia, dove si terrà dal 26 maggio l’incontro dei G7 a Taormina. Già le forze di polizia sono spiegate e stanno facendo controlli a tappeto: il testimone tunisino della Carovana, Imed Soltani, viene fermato, identificato e fotosegnalato. Una volta fatte le verifiche scopriranno trattarsi di un equivoco, e il viaggio può riprendere.

Gravi problematiche ambientali e migrazioni causate dalle stesse: è questa la relazione che la Carovana per i diritti dei migranti, per la dignità e la giustizia sta cercando di evidenziare in questa sua terza edizione, perché quello che succede ai popoli costretti a migrare ora in tante parti del mondo, può succedere e succede già anche in Italia. E le zone più inquinate e degradate sono spesso i luoghi in cui vengono “accolti” i migranti. Nel percorso da Milano a Rosarno sono venute alla luce numerose realtà di questo tipo, ma parallelamente sempre la società civile si è organizzata e ha dato luogo a realtà virtuose, educative, di lotta e di resistenza.

Non è da meno Augusta, la prima tappa siciliana e primo porto in Italia per numero di migranti sbarcati (oltre 26000 nel 2016). A ridosso del più grande polo industriale d’Europa, tra raffinerie, discariche, basi militari e inceneritori inquinanti, è stata realizzata una tendopoli per la primissima accoglienza di un numero massimo di 700 persone, ma che spesso supera il migliaio. Lontano dal centro abitato, dagli occhi e dal cuore. Nascosti all’interno di uno scalo commerciale blindato e inaccessibile.

In occasione dell’arrivo della Carovana il 21 maggio il Collettivo Antigone e la Rete antirazzista catanese hanno organizzato un evento pubblico, nel quale ancora una volta le storie locali e quelle dei testimoni da Guatemala, Messico e Tunisia si sono incrociate. Il collettivo era rappresentato da un ragazzo immigrato arrivato nel 2014, che ora studia e lavora ad Augusta, e da Maria Grazia, fondatrice e animatrice di questo gruppo nato inizialmente per conservare la memoria relativa alle migrazioni, per raccontare le storie delle persone, affinché non fosse tutto ridotto a freddi numeri, statistiche e luoghi comuni. Man mano si sono unite persone e il collettivo ha iniziato a lavorare con i rifugiati, poiché tutti parlavano di loro, ma nessuno parlava e lavorava con loro. È nato così un percorso di ascolto e dialogo i cui testi sono andati a formare una raccolta dal titolo “Figli della fortuna”.

Viste le tensioni sul territorio, era prevedibile che all’incontro qualcuno potesse dare luogo a provocazioni: in realtà le contestazioni sono arrivate dall’ambito istituzionale, dal sindaco di Augusta che ha difeso il sistema di accoglienza italiano e dall’assessore all’ambiente che ha sua volta difeso il sindaco, al quale nel frattempo i membri della Carovana avevano risposto ridimensionando la sua visione eccessivamente positiva e ribadendo che dell’accoglienza si fa spesso carico la società civile.

Altri interventi hanno visto Aurora, una ragazza del 5° anno del liceo che collabora con Antigone, sostenere l’importanza della partecipazione giovanile, dopo un incontro del Collettivo e di un fotografo nella sua scuola che l’hanno sensibilizzata su queste tematiche; Gianmarco, conosciuto già nella scorsa Carovana, ha sottolineato il valore dell’unire i temi delle migrazioni, della solidarietà e dell’accoglienza con i temi ambientali, ringraziando per questo la Carovana.

Ricordiamo che Augusta è anche la città in cui, in un grande hangar costruito appositamente, si trovano il relitto e i corpi del naufragio del 18 aprile 2015; qui è iniziata l’opera di identificazione dei poveri resti recuperati, e qui si misureranno le volontà di un intero Paese, ma soprattutto della sua classe dirigente, nel dare un nome e una famiglia ad ognuno di loro.

È tempo di spostarsi nuovamente: in serata un incontro nella Parrocchia di Bosco Minniti a Siracusa, dove don Carlo D’Antoni accoglie i migranti nella sua chiesa e ha avuto non pochi problemi per aver denunciato i credenti che sfruttano i migranti. Tra i banchi, tra le colonne di una via Crucis tradizionale e i volti di Martin Luther King, di Che Guevara e John Lennon, padre D’Antoni ha accolto e dato ospitalità anche ai carovanieri. Fray Tomás, il testimone messicano, ha potuto conoscere a Bosco Minniti una Chiesa degli ultimi, un pezzo di Albergue di Tenosique (rifugio per migranti che ambiscono a raggiungere la frontiera con gli Stati Uniti) anche a queste latitudini, forse una realtà che non pensava di vedere nel cosiddetto primo Mondo.

 

Ad attendere la Carovana sarà il comune di Vittoria, dopo una sosta a Cassibile.

 

Per sostenere la Carovana è aperto un crowdfunding ancora per pochi giorni: https://buonacausa.org/cause/carovanemigranti

Per seguire la Carovana: https://www.facebook.com/carovanemigranti/

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Non discriminazione
Tags: , , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


App Pressenza

App Pressenza

Diritti all'informAZIONE

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.