I fantasmi dell’impero. un romanzo nero sull’Etiopia del 1937 e 1938.

07.04.2017 - Francesco Cecchini

I fantasmi dell’impero. un romanzo nero sull’Etiopia del 1937 e 1938.

Marco Cosentino,Luigi Panella, Domenico Dodaro. I Fantasmi dell’Impero, Sellerio 2017.

Questo romanzo, “I Fantasmi dell’Impero”, racconta un pezzo di storia dell’Africa Orientale italiana, dell’Etiopia precisamente, e il crollo dell’impero fascista.  Racconta di un complotto e di una drammatica campagna di guerra dagli esiti incerti. Si tratta della ricostruzione di una vicenda, in parte rimossa dalla nostra memoria per la vergogna di quello che abbiamo combinato. Lo stile a tratti è giornalistico, tra la cronaca e l’investigazione.

«È una storia che ricorda Cuore di tenebra di Conrad, solo che è realmente accaduta ed è una storia italiana».                                                                    Luigi Pannella

Il cuore nero è l’Etiopia del 1937 e 1938.

La storia inizia una settimana dopo l’attentato a Graziani.  Coloro che organizzarono ed eseguirono, assieme ad altri, l’ attentato a Graziani, ad Addis Abeba, furono due intellettuali eritrei, Abrahm Debocth e Mogus Asghedom. Il 13 febbraio del 1937,  in occasione di una cerimonia,  improvvisamente lanciarono contro il palco 8 o 9 bombe a mano, uccidendo 4 fascisti italiani, tre etiopi e ferendo una cinquantina di presenti, tra cui, gravemente, Graziani, colpito da 350 schegge. La macchina che accompagnava Graziani all’ospedale fu anche investita da una raffica di mitra. Lo  stesso Graziani descrisse in dettaglio l’evento e riconobbe: “ Nulla era stato trascurato; una preparazione da fare invidia ai più raffinati terroristi.”  Purtroppo i giovani resistenti eritrei, Abrahm e Mogus, non riuscirono nell’intento di eliminare fisicamente il criminale fascista Rodolfo Graziani. La reazione all’attentato fu terribile, migliaia di etiopi furono sterminati. Il contesto del romanzo è quello della conquista dell’Impero di Etiopia, datata 9 maggio 1936, compiuta al prezzo di violenti eccidi di militari e di civili, anche con l’impiego di gas. In realtà le truppe italiane avevano occupato  la capitale Addis Abeba e controllavano la vitale ferrovia per Gibuti, costrinsero l’imperatore Hailé Selassié all’esilio in Inghilterra, ma il popolo etiope non fu sottomesso. Nel paese operavano numerosi gruppi di patrioti ribelli in armi  e solo una piccola parte de territorio era controllata dai militari italiani.

 

La trama.

L’incipit vede, a 7 giorni dall’attentato a Graziani, il tenente colonello Vincenzo Bernardi, avvocato militare del governo generale, presiedere ad Addis Abeba alle fucilazioni di ribelli ritenuti corresponsabili di aver tentato di uccidere il Vice Re dell’Impero. Prima li aveva interrogati e, ritenuti colpevoli, condannati a morte. I ribelli erano stati anche torturati e avevano segni di tortura nei visi e nei corpi. Vincenzo Bernardi prende spunto dalla figura reale del capo della giustizia militare dell’Africa Orientale italiana, Bernardo Olivieri.

Tempo dopo Bernardi venne incaricato dallo stesso Graziani di un’indagine per far luce su azioni del capitano Gioacchino Corvo, che era accusato di  esecuzioni capitali dopo  processi incosistenti. Queste esecuzioni avevano causate rivolte di tribù etiopi e militari che dovevano sedare le ribellioni erano stati massacrati.  Inoltre Corvo era accusato di malversazioni e di avere come amante una ragazzina minorenne*.                                       

Corvo si trovava sotto assedio nella regione del Goggiam e Bernardi doveva raggiungerlo e interrogarlo. Il primo novembre 1937 Bernardi partì in camion assieme  al sottotenente Valeri e a un plotone di Ascari. Il viaggio attraversò l’ inferno:  imboscate , per mano amica, vennero attaccati da una banda di irregolari legati al comando di centurioni fascisti, piogge di gas, il famigerato Trattamento C, teste mozzate, genitali strappati ai caduti sul campo, niente prigionieri. Questa fu la guerra pubblica. Poi ci fu quella privata delle camicie nere: ragazzine stuprate e finite con un colpo di grazia alla testa un attimo dopo la violenza  carnale; violentatori a loro volta puniti con eloquente teatralità dagli indigeni: “Impiccato alle sue budella l’uomo soffocò lentamente”.  L’8 novembre Bernardi subì un attentato da parte di un sicario nel mercato di Macallé. Il mandante fu sempre un centurione fascista Pietro Agosteo.

Pur attraversando l’inferno etiope l’avvocato militare riuscì a raggiungere Corvo, a interrogarlo e a capire. Venne anche coinvolto in un massacro ad Amba Isorà e fatto prigioniero.

Gli ultimi capitoli seguono i personaggi del romanzo nel dopo Impero, la caduta del fascismo, la repubblica di Salò, la resistenza,l’Italia repubblicana, fino agli anni 50 . Appare anche il maresciallo Badoglio che ha avuto un ruolo importante nella vicenda che ha visto come protagonista Bernardi. Dietro le quinte vi fu lo scontro tra due nemici dell’epoca Graziani, fascista, e Pietro Badoglio, monarchico.

Comunque la conclusione del romanzo che ha un finale interessante non si deve leggere in una recensione dei “I Fantasmi dell’Impero”, che è una detective-story, ma si deve conoscere con la lettura del romanzo, dalla prima all’ultima pagina.

Recensioni del romanzo hanno citato come suo antenato letterario “Tempo di uccidere” di Ennio Flaiano. Va ricordato anche “La colonna Feletti. Racconti di guerra e prigionia” di Giuseppe Berto che racconta un massacro sulle alture del lago Tana, avvenuto nell’agosto del 1937. Sembra il massacro raccontato da “I Fantasmi dell’Impero” ma questo è realmente accaduto. Entrambi, il romanzo  di Cosentino, Panella e Dodaro e il racconto di Berto  testimoniano un Impero, quello etiope, che il fascismo “conquistò” ma a non dominò. Il popolo etiope che non si lasciò  dominare, ma si ribellò fino alla fine dell’Impero.

* NDA. Indro Montanelli non fu un caso isolato, anzi. Comprò per 500 lire la compagnia sessuale di  una bambina eritrea di dodici anni, Fatima. Da quello che scrisse sugli eritrei in Civilta Fascista del gennaio 1936:“ Non si sarà mai dei dominatori, se non avremmo la coscienza esatta di una nostra fatale superiorità. Con i negri non si fraternizza, non si può, non si deve…” possiamo immaginare quale fu la natura del rapporto tra il giovane fascista Montanelli e la bambina Fatima.   

Categorie: Africa, Cultura e Media
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Search

Il canale Instagram di Pressenza

Catalogo dei Documentari

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.