Nobel Peace Watch: “Processate Henry Kissinger!”

08.12.2016 - Leopoldo Salmaso

Nobel Peace Watch: “Processate Henry Kissinger!”
(Foto di Roots Action)

Ordine di comparizione per indagini criminali – Henry Kissinger: “Vogliamo attirare l’attenzione del Procuratore sulla serie completa, senza uguali, di gravi crimini internazionali commessi da Kissinger e sulla necessità di sottoporlo a pubblico processo”.

Il 6 Dicembre 2016, Fredrik S. Heffermehl e Tomas Magnusson, membri fondatori di Nobel Peace Prize Watch (NPPW – Sentinella sul Nobel per la Pace – associazione Deponete le Armi) ha inviato al Direttore della Pubblica Accusa e al Capo dell’Unità Accuse Internazionali, Oslo (Norvegia), una lettera intitolata: “Ordine di comparizione per indagini criminali – Henry Kissinger”.

Essi scrivono:
“… L’ex Segretario di Stato e Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti d’America, Henry Kissinger, sarà in Norvegia nella seconda settimana di dicembre 2016. E ‘invitato come ospite d’onore da parte di istituzioni rispettate, il Comitato per il Nobel norvegese e l’Università di Oslo, per condividere le sue opinioni sulla politica estera degli USA. Da tutte le evidenze non parlerà per rimpiangere o pentirsi, o per essere chiamato a rispondere.
La discrepanza tra il mondo di Kissinger e la pace attraverso il disarmo globale e la cooperazione, gli ideali di “fraternità delle nazioni smilitarizzate”, che il Comitato del Nobel avrebbe dovuto promuovere è così lampante che sfida ogni commento.
Lo stesso vale per l’Università di Oslo.
Desideriamo attirare la vostra attenzione sulla serie completa, senza uguali, di gravi crimini internazionali commessi da Kissinger e sulla necessità di sottoporlo a pubblico processo…”.

Dopo aver elencato la grande quantità di documentazione allegata, i richiedenti ricordano:
“…La lista di crimini ordinati o organizzati da Kissinger: crimini di guerra, tortura, aggressione, sovversione, interferenza e interventi in violazione del diritto internazionale, è senza fine…”.

e sollecitano la Procura ad intervenire:
“…La Norvegia dovrebbe perseguirlo per sostenere il diritto internazionale. Le ampie norme della Norvegia in materia di giurisdizione internazionale non dovrebbero porre alcun problema per arrestare, interrogare e processare Kissinger.
Le norme in materia di diritto penale norvegese e internazionale che definiscono i crimini internazionali, i crimini di guerra, le torture ecc sono state accuratamente trattate dal defunto professore di diritto presso l’Università di Oslo, Ståle Eskeland…”.

Ricordando l’affermazione fatta a Norimberga dopo la Seconda Guerra Mondiale, secondo cui “le Nazioni non commettono crimini internazionali, ma li commettono le persone, gli individui, che agiscono per gli Stati”, i richiedenti continuano:
“…La responsabilità dei pubblici ministeri nazionali di agire contro i più gravi crimini internazionali sono il risultato di una lunga evoluzione per cui si considera interesse della comunità mondiale che tutti i paesi cooperino per porre fine all’impunità. Se i leader politici e militari occidentali continuano a godere dell’impunità, questo è destinato a fare un grave danno per la giustizia e l’ordine mondiale…”.

Ricordando come Kissinger riuscì a sottrarsi a precedenti tentativi di perseguirlo, i richiedenti pongono una domanda molto diretta:
“…La Norvegia ha garantito un salvacondotto a Kissinger?
E ‘un fatto che il signor Kissinger è molto attento a viaggi all’estero. Il suo viaggio in Norvegia solleva una domanda scomoda: ha deciso di andare in Norvegia perché gli è stato promesso un salvacondotto, o è così sicuro del fatto che la Norvegia è un subordinato fedele da dare per scontato il suo salvacondotto? Nessuna delle due alternative è molto onorevole per un paese che si presume indipendente…”.

Essi insistono su tale questione ricordando il comportamento recente del governo norvegese verso Edward Snowden:
“…Se Kissinger potrà godere dell’impunità automatica, ciò si distingue per vergognoso contrasto con l’aver negato la protezione a Edward Snowden per un soggiorno di due giorni per ricevere il premio Ossietzky dalla norvegese PEN. Può la Norvegia davvero offrire protezione a chi ha commesso i più gravi crimini internazionali e allo stesso tempo negarla a chi ha rivelato gravi crimini contro la Costituzione degli Stati Uniti?…”

Quindi la lettera ricorda il fatto riprovevole che Kissinger ricevette il premio Nobel per la Pace nel 1973:
“E ‘stato più che un paradosso quando, il 10 dicembre 1973, nel suo discorso in onore di Kissinger, la presidentessa del Nobel Aase Lionæs ha fatto il più vero dei commenti: ‘La pace deve basarsi su regole a cui tutti gli stati, e in ogni caso la grandi potenze, si attengono nella loro condotta’: è vero, non ci sarà né pace né giustizia se la legge tra le nazioni continua ad essere come una ragnatela, abbastanza forte da trattenere solo i deboli e troppo debole per tenere i forti.
La Corte Penale Internazionale, ICC, è attualmente in serio pericolo di essere distrutta dagli atteggiamenti delle potenze occidentali egemoniche. Il suo modo di applicare la giustizia è diventato così sbilenco che i paesi del terzo mondo cominciano a ritirarsi. Non si può pretendere che accettino per sempre l’impunità garantita ai criminali di guerra delle nazioni potenti. Un possibile crollo di questa istituzione fondamentale dovrebbe preoccupare tutti quelli che hanno il compito di applicare la legge e di proteggere i cittadini in tutto il mondo contro il terrorismo e l’illegalità”.

In allegato è una documentazione corposa e dettagliata del coinvolgimento personale di Henry Kissinger in:
1. deliberata uccisione di massa di popolazioni civili in Indocina.
2. deliberata collusione in omicidi di massa, e più tardi in assassinio, in Bangladesh.
3. personale istigazione e pianificazione dell’omicidio di un’alta carica istituzionale in una nazione democratica – il Cile – con la quale gli USA non erano in guerra.
4. coinvolgimento personale in un piano per assassinare il capo dello Stato nella nazione democratica di Cipro.
5. incitamento e facilitazione del genocidio a Timor Est
6. coinvolgimento personale in un piano per rapire e uccidere un giornalista che viveva a Washington, DC.

Vi compare, tra l’altro, una citazione dal libro “The Trial of Henry Kissinger” di Christopher Hitchens, Basert på førsteutgaven (Verso, 2001):
“… Più grave di tutte, però, è stata la causa intentata presso la Corte Federale di Washington, DC, il 10 settembre 2001. Questa causa fu promossa dai superstiti della famiglia del generale René Schneider del Cile (vedere le mie pagine 84-101 e 203) in cui Kissinger e altri sono accusati di “esecuzione sommaria” del generale. In altre parole, e in una causa civile, omicidio e terrorismo internazionale. La data della causa legale può sembrare poco propizia per alcuni, ma in realtà l’aggressione odiosa contro la società civile americana che si verificò il giorno seguente (11 Settembre) pone più che mai enfasi sulla necessità di un unico standard, e un giorno un unico tribunale internazionale, per giudicare i crimini contro l’umanità, gli omicidi di stato e il nichilismo internazionale.
Nello stesso periodo, il National Security Archive e altri costrinsero Kissinger a restituire 50.000 pagine di documenti pubblici che egli sottrasse illegalmente quando lasciò l’incarico (vedere le mie pagine 116-17) per metterle a disposizione di studiosi e storici (e vittime)”.

La lettera è c0-firmata da:
– Richard Falk, Professore Emerito di Diritto Internazionale, Università di Princeton, Stati Uniti d’America.
– Erni e Ola Friholt, attivisti del Movimenti per la Pace, Orust, Svezia
– Jon Hellesnes, Professore Emerito di Filosofia, Tromsoe, Norvegia
– Jeffrey Moussaieff Masson, Ph.D., autore, Bondi Beach, NSW 2026, Australia
– Gunnar Nerdrum, avvocato-at-law, Tromsoe, Norvegia
– Jan Oberg, Fondazione Transnazionale per la Pace e la ricerca futura, Lund, Svezia
– Antonio Carlos da Silva Rosa, M.A., editore, ricercatore. Porto, Portogallo / São Paulo, Brasil
– Sven Rovina, attivista per i diritti umani, Köping, Svezia
– David Swanson, autore, Guerra Mondiale Beyond, Charlottesville, Virginia, Stati Uniti d’America
– Ola Tellesbø, avvocato, Norvegia
– Kenji Urata, Professore Emerito di Diritto Costituzionale, Università di Waseda, Giappone
– Gunnar Westberg, Professore Emerito, Sahlgrenska Academy, Göteborg, Svezia

 

Categorie: Nord America, Pace e Disarmo
Tags: , , , , , , , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.