Gestazione per altri, quale approccio legislativo per il futuro?

01.06.2016 - Redazione Italia

Gestazione per altri, quale approccio legislativo per il futuro?
(Foto di http://www.famigliearcobaleno.org/it/informazioni/gestazione-per-altri/)

Martedì 7 giugno ore 16.30 – 19.30
Sala di S. Maria in Aquiro

Piazza Capranica 72 – Roma

Sul tema della gestazione per altri la complessità della modernità e la fluidità del contesto sociale ci obbligano a non semplificare e ci spingono ad interrogarci sui mutamenti affettivi e intimi che le donne e gli uomini vivono in questa contemporaneità.

L’errore sarebbe quello di entrare nella contrapposizione tra proibizionismo e libertà contrattuale. Un approccio proibizionista rischia di condurci lontano dall’idea di infrastruttura sociale e di politiche pubbliche propria della crescita reale della nostra Repubblica, avvicinandoci invece all’impostazione più conservatrice, ove domina uno squilibrio nei rapporti di forza nelle relazioni interpersonali e affettive, centrate sul rispetto e non sul riconoscimento.

Medesimo rischio anche per le posizioni che liberalizzano la pratica, annullando del tutto l’apporto soggettivo nella costruzione della relazione.

C’è un mutamento sociale e umano dei rapporti di filiazione, della genitorialità e più in generale della vita familiare non più basati sulla coincidenza tra dato biologico, genetico, sociale e su un presunto unico modello “naturale” di famiglia, ma fondati sulla qualità delle relazioni.

Tale cambiamento sociale è già stato riconosciuto giuridicamente, ma deve esserlo pienamente, nella priorità di assicurare gli stessi diritti ai figli e alle figlie a prescindere da come sono venuti al mondo. Si tratta di introdurre un principio di “diritto minimo”, un diritto non scisso dalla vita reale e legato alla soggettività e al valore del legame.

Di questo diritto e di come possa essere riconosciuto dalla legge ne discutono insieme all’On. Giovanna Martelli:

Ines Corti (professore associato di Istituzioni di diritto privato dell’Università di Macerata)

Giovanni Maria Flick (professore emerito di diritto penale presso la Luiss e presidente emerito della Corte Costituzionale)

Filomena Gallo (segretario nazionale dell’associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica)

Chiara Lalli (filosofa, saggista e giornalista)

Marina Terragni (giornalista, scrittrice e blogger).

Modera Alessandra Di Pietro (giornalista e scrittrice)

E’ d’obbligo per gli uomini indossare giacca e cravatta.

L’accesso alla sala è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

Per partecipare inviare una mail a segreteriaonmartelli@gmail.com entro le 9 di lunedì 6 giugno.

Categorie: Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa
Tags: ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 06.12.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.