La vicenda Pizzarotti, M5S e amministrative

14.05.2016 - Francesco Cecchini

La vicenda Pizzarotti, M5S e amministrative

 

La probabile, prevista, espulsione da M5s del sindaco di Parma Federico Pizzarotti la dice lunga su metodi di M5s. «Federico Pizzarotti è sospeso dal Movimento 5 Stelle». Basta una riga sul blog di Beppe Grillo per congelare il sindaco di Parma indagato per abuso d’ufficio. É un atto arbitrario sferrato dall’ alto del vertice grillino perché non avrebbe informato di un avviso di garanzia. Informato chi? Beppe, il direttorio, la Casaleggio associati.
Nessun confronto o chiarimento o approfondimento della vicenda ma una rapida decisione di dargli un metaforico “calcio in culo” e buttarlo fuori dal movimento. Quale è la colpa poi di Federico Pizzarotti? Quella di aver nominato due persone stimate e compenti per il teatro di Parma. Pizzarotti si è difeso alcuni giorni fa. «Gentilissimo anonimo staff ,forse vi siete dimenticati che sono un sindaco eletto, un pubblico ufficiale ed a una email anonima non fornisco nessun documento. Soprattutto per un’indagine in corso che coinvolge me, altri membri del cda, e una fondazione. Per altri approfondimenti fatemi chiamare dal responsabile dei comuni Luigi Di Maio. Ci vuole rispetto delle persone, si deve poter essere chiamati e avere un confronto. Su di noi è stato versato tanto fango anche dall’interno del movimento. È evidente che non è un comportamento che si addice a una forza di governo. Ora mi aspetto un chiarimento». La vicenda ha evidenziato un approccio diverso dei vertici pentastellati rispetto a quella che ha coinvolto il sindaco di Livorno, Nogarin, che, indagato, ha ricevuto una telefonata di solidarietà da Beppe Grillo.

La tensione resta alta. Non è una novità. L’Emilia Romagna è stata sempre la spina nel fianco dei vertici del Movimento. Non è un caso che la prima espulsione «politica» sia stata quella di Valentino Tavolazzi e della sua lista civica a Ferrara. Poi ci sono state quelle di Federica Salsi, consigliera a Bologna, e di Giovanni Favia, consigliere regionale, «licenziati» alla fine del 2012.

Alle elezioni amministrative del 2016, il prossimo 5 giugno andranno alle urne 1306 comuni, di cui 1116 appartenenti a regioni ordinarie e 190 a regioni a statuto speciale. Si voterà in 25 comuni capoluogo di provincia, fra cui Roma, Bologna, Cagliari, Milano, Napoli, Torino e Trieste che sono anche capoluogo di regione. Considerato il numero dei comuni, l’importanza di alcune città e il numero degli elettori coinvolti, è impossibile non cogliere il valore politico di queste elezioni, innanzitutto per il Partito Democratico e per il suo principale antagonista il M5s. Insomma le prossime comunali avranno un peso simile, o quasi, alle politiche.

La vicenda Pizzarotti potrebbe far riflettere gli elettori se dare il voto a candidati sindaci pentastellati.

 

 

 

 

 

Categorie: Europa, Opinioni, Politica
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

DIRETTA mobilitazioni ogni giorno a Santiago 13.11.19

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.