Burkina Faso: Kaboré Presidente, cambiamento nella continuità

01.12.2015 - MISNA Missionary International Service News Agency

Burkina Faso: Kaboré Presidente, cambiamento nella continuità
(Foto di jump-voyage.com)

“Le elezioni si sono svolte senza problemi, nonostante questa sia stata considerata una località a rischio”. Gigi Pietra, cooperante in Burkina Faso per la ong Medicus Mundi, parla con la MISNA da Koudougou, la terza città del Burkina Faso, a un centinaio di chilometri dalla capitale Ouagadougou.

“Qui – spiega – la vittoria di Roch Marc Christian Kaboré era attesa, più scontata che nel resto del Paese”. L’ex presidente dell’assemblea nazionale è stato eletto al primo turno, con oltre il 53% dei consensi, secondo il primo conteggio: un risultato che non stupisce il cooperante. “Di fatto, questo era già un ballottaggio – nota – perché non esisteva un terzo contendente che potesse impedire a Kaboré o al secondo arrivato [Zephirin Diabré, ex ministro dell’Economia, che ha ottenuto poco più del 29%] di avere la maggioranza: ha vinto chi era più radicato nel paese”.

Nell’elezione, sembrano in effetti aver giocato un ruolo importante le relazioni che entrambi i candidati erano riusciti a stabilire prima di passare all’opposizione, con la partecipazione al governo dell’ex presidente Blaise Compaoré, fuggito dal paese dopo una rivolta popolare ad ottobre 2014. “Il partito di Kaboré è nato da una scissione di quello presidenziale e ne aveva portato via una parte delle ‘reti’ sul territorio e l’unico altro che aveva una presenza sul territorio, in termini di vecchi sindaci, deputati e dunque elettori era quello di Diabré”, concorda Pietra.

Il risultato non va letto però come una sconfitta della società civile protagonista delle manifestazioni contro Compaoré e, a settembre scorso, contro il fallito golpe della guardia presidenziale, ragiona il cooperante. “Una parte delle organizzazioni si erano già schierate con i diversi partiti, non possono essere considerate un ‘terzo polo’, e anzi la maggioranza appoggiava proprio Kaboré”, dice. “Potranno esserci – aggiunge – dei movimenti sociali, delle richieste, soprattutto dagli studenti e dalle masse urbane, ma sarebbe stato lo stesso con qualsiasi altro risultato”.

Al futuro, conclude dunque Pietra, c’è da guardare con realismo: “Ci sarà una continuità con il passato, ma un risultato è già stato ottenuto. Una parte del vecchio establishment, accusata di crimini gravi, è stata messa da parte: è un passo in avanti per tutti”.

Categorie: Africa, Comunicati Stampa, Politica
Tags: , , ,

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort